Capienza ridotta, la Lega sceglie il male minore. Ma il calcio ha già pagato, ora i ristori

Giocare davanti a pochi, ma giocare: così il pallone ha risposto alla stretta del governo

Ealla fine paga il calcio. Usato per una decisione fortemente simbolica volta ad attirare l’attenzione globale e a trasmettere un messaggio che raggiunga rapidamente tutti. A questo almeno ha fatto pensare la stretta del governo con la minaccia di chiudere al pubblico a lungo gli stadi se non fosse stata presa autonomamente dalla Lega la decisione di ridurre a 5.000 le presenze dei tifosi.

Precedente Venezia, Zanetti: "Col Milan dobbiamo essere al 100%, altrimenti zero possibilità" Successivo Il boom dei contagi? A stadi chiusi. Ecco perché la Serie A non ha colpe

Lascia un commento