Campionato americano, derby da brividi a Los Angeles

In Europa i campionati vanno verso la pausa per dare spazio alle Nazionali, si può dunque aprire una finestra sulle partite dell’MLS americana. Un campionato che magari non tutti hanno modo di seguire di frequente, può dunque essere opportuno scoprire quali sono i principali meccanismi e regole della MLS.

Come funziona l’MLS, il campionato di calcio americano

Le squadre sono suddivise in due Conference, Est e Ovest, in base alla collocazione geografica. Ciascuna compagine arriva a disputare un totale di 34 partite, 17 in casa e altrettante fuori, incontrando un numero variabile di volte le squadre della Conference Est e Ovest. Una volta terminata la regular season scattano i playoff per l’assegnazione del titolo di campione. Le prime due classificate di ogni Conference saltano il turno preliminare che invece devono disputare le squadre che chiudono con posizioni che vanno dalla seconda alla settima. La post season prevede gare di sola andata. Non sono previste retrocessioni né promozioni.

Eastern Conference, tempo di derby Los Angeles

Tra le partite che mettono in palio punti preziosi per la qualificazione ai playoff spicca Los Angeles Galaxy contro Los Angeles FC. Nessuna di loro sta attraversando un buon periodo, discorso che riguarda soprattutto i Galaxy che non vincono da otto partite di fila. Chicharito Hernandez e compagni proveranno a rialzarsi a spese dei rivali, reduci da tre sconfitte consecutive.

Pioggia di gol nell’ultimo precedente

Il caotico calendario americano le ha messe di fronte circa un mese fa e il risultato è stato pirotecnico: 3-3. L’America non è esattamente la patria della tattica. Non stupisce che nel complesso siano due squadre votate all’Over 2,5, esito che si candida prepotentemente all’uscita anche in questa occasione. Difficile che una di loro mantenga la porta inviolata, i risultati parlano chiaro. Avanti dunque con la combo Goal+Over 2,5.

Precedente Juve, Mole in bianconero sui social per celebrare la vittoria nel derby Successivo A tutto Vidal: “Futuro? Proverò a fare l’allenatore..."

Lascia un commento