Camavinga al Real, Griezmann all’Atletico. E il Barça si consola con… de Jong

Simeone ritrova la sua stella, Saul al Chelsea, al Barcellona resta la cantera e l’arrivo last minute dell’olandese. Il gioiello del Rennes al Madrid

Giallo Griezmann. Intorno alle 22 è arrivato il botto: il francese Antoine Griezmann, 30 anni, dopo 2 stagioni (e costato al Barça 120 milioni di euro) torna all’Atletico. Ma fino a mezzanotte inoltrata, e anche dopo, la notizia non era ufficiale. Intorno all’1 di notte la Liga su twitter ha comunicato che non ha concesso alcuna proroga e che i documenti sono arrivati per tempo. Il desiderio di Griezmann e del Cholo di incontrarsi di nuovo, le necessità economiche del Barça, abbassare la massa salariale: ecco le ragioni del colpo di scena. Prestito biennale con opzione di acquisto a 40 milioni. Con Saul al Chelsea (anche lui in prestito di 5 milioni e opzione di acquisto) e Luuk de Jong dal Siviglia al Barça. Intanto dalla Liga se ne sono andate due leggende, Messi e Ramos. E il Real – ripartito da Ancelotti – ha provato fino alla fine a portare a Madrid Mbappé. Sarà per il futuro. Ma intanto ha preso il 18enne Eduardo Camavinga dal Rennes per 31 milioni (+9 di bonus), fino al 2027; ha già debuttato in nazionale e in Champions, in Ligue 1 ha disputato 71 match, ed è uno dei giovani più promettenti d’Europa da mediano, mezzala o “box to box”. Poi il Real ha fatto un mercato in uscita, prelevando solo Alaba dal Bayern, a zero e vendendo Odegaard all’Arsenal (35 mln), Varane allo United (40) oltre ai prestiti di Diaz, Kubo, Odriozola e Chust.

Guai e vivai

—  

Il Barça è stato condizionato dai debiti, tanto da non poter rinnovare neanche il gioiello della casa, Messi. Ha preso a zero Depay, partito benissimo, Aguero (già rotto) ed Eric Garcia, Emerson dal Betis a 9 milioni, e ceduto al Tottenham per 25 (+5 di bonus), Ilaix Moriba al Lipsia per 16+6, Junior Firpo al Leeds, Todibo al Nizza, Aleña al Getafe; poi i prestiti Trincao ai Wolves e Manaj allo Spezia, e ancora De la Fuente al Lione. Un gruzzolo da 70-80 milioni che serve come il pane. E il futuro? Di nuovo la cantera, i vari Pedri, Ansu Fati, Mingueza, Nico Gonzalez, Gavi, Riqui Puig e poi il 18enne austriaco Demir. In extremis è arrivato in prestito dal Siviglia il centravanti olandese Luuk de Jong. Sarà un anno di transizione in Catalogna.

Campioni

—  

L’Atletico aveva poco da sistemare e l’ha fatto bene: ha aggiunto Rodrigo De Paul, dall’Udinese per 35 milioni, in mezzo, e il 22enne attaccante brasiliano e dell’Olimpica Matheus Cunha dall’Hertha Berlino per 30 milioni, che piaceva all’Inter e all’Atalanta, utile per far rifiatare Luis Suarez, sperando che finalmente esploda João Felix. Ha lasciato andare Vitolo al Getafe, Arias in prestito al Granada e Nehuén Pérez all’Udinese.

Altri

—  

Il Siviglia di Champions ha preso la punta Rafa Mir (16 mln) dai Wolves, Lamela dal Tottenham, Delaney dal Dortmund e il 24enne Montiel dal River per 11; ha chiuso con Vaclik, Franco Vazquez, Escudero e Aleix Vidal e Bryan Gil agli Spurs per 25 mln. Il Villarreal ha la punta Boulaye Dia dal Reims, per 12 mln, e l’olandese Danjuma dal Bournemouth.

Precedente Milan, ora tocca a Kessie: il colpo Adli può influire sul rinnovo? Successivo La bomba CR7 oscura Lukaku. Grealish il top, Konaté per i Reds

Lascia un commento