Caldara: continuità, buona media e anche qualche gol, possibile colpo low cost in difesa

Dopo la buona stagione a Venezia, nuova avventura con lo Spezia di Gotti, dove potrà ricoprire vari ruoli nel 3-5-2, magari ritrovando la via della rete come con l’Atalanta

Nuova avventura in Serie A per Mattia Caldara, difensore centrale che sposa il progetto dello Spezia. Arriva ai bianconeri dal Milan con la formula del prestito con diritto di riscatto, fissato sui 3 milioni.

Il profilo

—  

La versatilità è il suo grande punto di forza: può essere schierato sia in una difesa a 4 che in un terzetto difensivo oltre che dare un contributo da terzino bloccato sulla fascia destra. Buona capacità di iniziare la manovra (bravo con entrambi i piedi), molto sicuro nei contrasti aerei dove ha spesso trovato la via del gol in passato. Nel 3-5-2 di Gotti, quindi, può fungere sia da esterno destro che da difensore centrale. Molto dipenderà, chiaramente, dalle indisponibilità degli altri pari ruolo del pacchetto arretrato bianconero. Nel listone Gazzetta del prossimo Fantacampionato, vale 10 crediti, una quotazione molto inferiore rispetto a diversi colleghi di reparto.

I numeri

—  

Dopo alcune stagioni tribolate – causa infortuni – Caldara ha ritrovato finalmente continuità d’impiego con il Venezia di Paolo Zanetti: per l’ex Atalanta 31 partite (30 da titolare), 1 gol e 9 cartellini gialli per una Fantamedia superiore alla sufficienza (6,05). In Serie A è sceso in campo oltre 100 volte (106) con 11 gol e 2 assist all’attivo, 21 i gialli raccolti con le maglie di Atalanta, Milan e Venezia. Ha anche giocato in B difendendo i colori di Cesena e Trapani (47 presenze e 5 reti messe a referto).

Perché prenderlo

—  

Dovesse confermare il minutaggio avuto nell’ultima stagione, Caldara si candida per essere un profilo low-cost perfetto anche per il basso valore avuto nel listone. E potrebbe anche ritrovare il vizietto del gol come nella stagione 2016-17 quando aveva segnato 7 reti con la maglia dell’Atalanta.

Perché non prenderlo

—  

Le incognite principali sono legate alle condizioni fisiche. 62 le gare in cui è stato indisponibile nelle ultime 4 stagioni. Inoltre, difenderà i colori dello Spezia, una delle squadre che lotterà per la salvezza e che, pertanto, rischia di subire tanti gol.

Precedente Zaniolo e il rebus di domenica: ondata d'affetto o festa d'addio? Successivo Da Zuelli a Da Graca: la Juve U23 protagonista a Villar Perosa per la prima volta

Lascia un commento