Calciomercato Bologna: Shomurodov, Lucumì e l'insidia Marsiglia

BOLOGNA – Il Bologna a oltranza su Jhon Lucumì, 24 anni, colombiano del Genk. Poi, se Giovanni Sartori e Marco Di Vaio non riuscissero a chiudere questa operazione ecco che farebbero di tutto per trovare la quadra per Omar Alderete, 25 anni, paraguaiano dell’Hertha Berlino, rientrato in Germania per fine prestito dal Valencia. Eldor Shomurodov? Per altri impegni di lavoro, gli agenti dell’attaccante uzbeko della Roma (e di Skorupski che ha firmato il rinnovo fino al 2026, con opzione per un altro anno) sono arrivati a Casteldebole solo nella tarda serata, di conseguenza l’argomento sarà ripreso oggi. Comunque il discorso è questo: l’ostacolo da superare non sembra tanto l’ingaggio del calciatore quanto la formula di acquisto, perché il club giallorosso vorrebbe darlo con l’obbligo di riscatto per non dover rinegoziare l’operazione la prossima estate mentre il Bologna vorrebbe rilevarlo in prestito con diritto. Morale: le parti in causa continueranno a parlare e alla luce del fatto che tutte e tre sperano nella buona conclusione dell’affare abbiamo la sensazione che nel giro di qualche giorno possa anche essere raggiunta l’intesa. A meno che nel frattempo una tra Torino e Wolverhampton sbaragli il campo, e a quel punto Sartori e Di Vaio dovrebbero trovare una nuova altermativa, dopo essere stati costretti a mollare Jorgen Strand Larsen perché costava troppo ed essere stati beffati da Lorenzo Lucca.

La lista degli otto giocatori in uscita dalla Roma

Guarda la gallery

La lista degli otto giocatori in uscita dalla Roma

Quella clausola da pagare

Torniamo su Lucumì, che nelle ultime ore è finito nelle grazie anche del Marsiglia. Uno può domandarsi per quale motivo il Bologna stia trattando il difensore colombiano con il Genk quando avrebbe potuto farlo sbarcare a Casteldebole già una settimana fa pagando la clausola da 8 milioni di euro. La risposta è facile: perché la società rossoblù non vorrebbe pagarla, anche se si rende conto di correre il rischio che qualche altro club possa portarglielo via da sotto il naso. E non vorrebbe pagarla prima di tutto per un motivo: dovrebbe versare questi 8 milioni in un’unica rata (anche su questo punto i capi rossoblù stanno negoziando con il Genk). Detto che ormai siamo sempre più convinti che anche i 23 milioni figli della cessione di Arthur Theate al Rennes siano utilizzabili solo in parte da Sartori e Di Vaio, e se così fosse Joey Saputo farebbe meglio quanto meno a tacere invece di fissare pubblicamente per la squadra il traguardo dei 50 punti, i responsabili dell’area tecnica rossoblù continuano a lavorare su due fronti: quello con il Genk con la speranza che venga accolta la loro proposta e quello con l’Hertha Berlino per Alderete, che rispetto a Lucumì ha una valutazione inferiore e che potrebbe essere rilevato con diritto o caso mai anche con obbligo ma con pagamenti rateizzati.

Serie A, ecco tutte le maglie della stagione 2022-2023

Scopriamo tutti i volti nuovi della Serie A FOTO

Guarda la gallery

Scopriamo tutti i volti nuovi della Serie A FOTO

Più soldi e meno proclami

È evidente come la colpa di questo stallo non sia di Sartori e Di Vaio che devono portare avanti le direttive del proprietario, che a oggi deve avere solo il desiderio di rientrare e non più di investire, anche se per quanto riguarda il centrale di sinistra il Bologna avrebbe la necessità di chiuderlo più in fretta possibile, sottolineando come Mihajlovic abbia perso con Theate e Hickey i 2/3 della catena di sinistra. E a ciò va aggiunto un particolare altrettanto importante: gli uomini dell’area tecnica non possono permettersi errori sapendo quanto sia complicato questo campionato, certo, anche a costo di poter ritardare di una settimana un acquisto o due. Ed è antipatico, avvilente e non fa neanche ridere che qualcuno possa ora voltarsi indietro per esaltare il lavoro fatto nel recente passato, evidenziando le difficoltà di chi opera attualmente, facendo finta di aver dimenticato anche i tanti giocatori sbagliati che sono arrivati a Bologna negli anni precedenti e che per nominarli tutti servirebbero dalle 20 alle 30 righe.

Eldor Shomurodov: il Bologna vuole un vice Arnautovic

Guarda il video

Eldor Shomurodov: il Bologna vuole un vice Arnautovic

Precedente Yildiz, gol ed emozioni: ha già la mentalità della Juventus. Sulla scia di Pogba Successivo Calciomercato Fiorentina: per Milenkovic giorni decisivi

Lascia un commento