Calafiori all’Arsenal libera il pallino di Motta e Giuntoli per la difesa Juve

Talmente bravo nello Spezia di Thiago Motta, 2021-22, e poi in quello di Luca Gotti, le prime 22 giornate del 2022-23, che Cristiano Giuntoli avrebbe voluto portarlo al Napoli nell’estate 2022 e soprattutto nel gennaio 2023, quando ci provò anche la Juventus. Talmente bravo, Jakub Kiwior, che però in quel gennaio 2023 l’Arsenal mise sul piatto 25 milioni e se lo portò a Londra. Né Motta né Giuntoli si sono però dimenticati di quel difensore centrale mancino dalla tecnica e dalla visione di gioco così limpide che il tecnico italobrasiliano lo impiegava spesso da centrocampista, davanti alla difesa. E lo hanno inserito tra i principali obiettivi per rinforzare la difesa, bisognosa proprio di un giocatore con quelle caratteristiche, capace all’occorrenza di trasformarsi da difensore in centrocampista come faceva Calafiori nel Bologna di Motta nella passata stagione. E difatti proprio il ventiduenne romano in quella lista occupava il primo posto.

Kiwior: chi è il pallino di Motta

Come successe con Kiwior, però, è arrivato l’Arsenal (e anche il Chelsea e il Psg, ma i Gunners sono in netto vantaggio) e con quasi il doppio dei milioni di allora è sul punto di strappare Calafiori al Bologna. Il quasi certo futuro a Londra dell’azzurro e il no del granata Buongiorno spingono così in alto proprio le quotazioni di Kiwior, con l’arrivo di Calafiori a Emirates che potrebbe se non altro avere un effetto collaterale positivo sulla trattativa per il polacco, per il quale si potrebbe chiudere a 15 milioni. Non solo di un centrale ha però bisogno la difesa bianconera. Il passaggio a un assetto a quattro difensori impone rinforzi sulle fasce dove, con in uscita De Sciglio e Kostic (che per giunta non sarebbe di ruolo), ci sono solo Danilo e Cambiaso. E il brasiliano potrebbe anche essere utilizzato da centrale.

Da tempo sulle tracce dell’albanese Mitaj a sinistra e su quelle del brasiliano (con passaporto portoghese) Yan Couto a destra, la Juve sta accelerando per quest’ultimo, rientrato al Manchester City dal prestito al Girona. E proprio in prestito lo vorrebbe anche la Juve, che mira a costruire la fascia destra con due arrivi a titolo temporaneo da Manchester: ovvero con Jadon Sancho, in prestito dallo United, davanti a Couto. Saelemaekers e Adeyemi gli altri nomi caldi per la porzione offensiva delle fasce. Sempre in prestito, ma con obbligo di riscatto il prossimo anno (al Monza 4 milioni adesso, poi 16) è in arrivo Michele Di Gregorio. Il portiere sosterrà le visite mediche domani. Depositato in Lega invece il contratto del talento montenegrino classe 2006 Vasilije Adzic, che giocherà con la Next Gen.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Le principali aperture dei quotidiani italiani e stranieri di giovedì 4 luglio 2024 Successivo Lukaku, c'è solo Conte: ma il Napoli aspetta la scelta di Osimhen

Lascia un commento