Cairo: “Torino compatto e concreto, bravo Nicola. Voterò Gravina e sui diritti tv…”

Il presidente del Torino a Radio anch’io Sport: “Per il rinnovo di Belotti stiamo lavorando, scenderò in campo. Avanti sulla linea della media company, ci siamo fatti superare da Liga e Bundesliga”

Soddisfazione per il cammino del Torino, l’impegno per rinnovare con Belotti, una pungolatura alla gestione dei diritti tv da parte della Lega calcio. Intervenuto a Radio anch’io Sport, su Radio 1, il presidente del Torino e della Rcs Urbano Cairo si è detto fiducioso per il campionato del Torino, soprattutto visti i progressi dell’ultimo mese. “Con il Cagliari è stata una vittoria importante. Nicola sta facendo un buonissimo lavoro, ha ridato molta positività e compattezza, molta concretezza. Le cose vanno meglio, adesso dobbiamo restare umili e con i piedi per terra e cercare di continuare il cammino positivo che abbiamo cominciato con lui. Poi tutto è migliorabile, ma certamente la squadra ha dato un buon segnale”.

Il futuro di Belotti

—  

Cairo ha confermato la volontà di rinnovare il contratto di Belotti. “Ha fatto tanti gol, ha uno spirito da trascinatore. Il matrimonio Torino-Belotti è stato molto positivo e deve continuare. So che ci sta lavorando il ds Vagnati, poi scenderò in campo anche io. L’obiettivo è questo e quando ci sarà qualcosa di nuovo da annunciare lo faremo. Da parte nostra c’è tutta la volontà di rinnovare e credo che anche lui non possa che avere questa idea. È da sei anni al Toro, ha fatto tanto per il Toro e il Toro ha fatto molto per lui”.

Le elezioni

—  

Cairo si è sbilanciato sulle elezioni per i vertici della federcalcio: “Dobbiamo molto a Gravina, è molto riformatore, ha fatto un gran lavoro dal punto di vista della giustizia sportiva”. Il presidente del Torino ha ammesso che l’anno scorso era tra i contrari alla ripresa del campionato “ma sbagliavo, ha avuto ragione Gravina a riprendere, seppur a porte chiuse. Ha fatto scelte molto oculate, è una persona che sa molto di calcio e credo che meriti la riconferma, io certamente lo voterò”.

La Lega

—  

E per quanto riguarda invece lo stallo sulla decisione in merito ai diritti tv e sull’ingresso di fondi privati nella Lega, Cairo ha ribadito: “”Siamo favorevoli da mesi all’ingresso dei fondi privati nella costituenda media company della Lega che dovrebbe gestire tutti i diritti televisivi domestici e internazionali. Se ne parla almeno da giugno dello scorso anno. Credo che sia un’operazione strategica per cambiare il modo di governare la Lega, che ha avuto delle pecche negli ultimi 8-9 anni. Ricordo che nel 2012 il calcio italiano aveva un monte totale di diritti tv pari a 900 milioni di euro ed era secondo solo alla premier League. Ma davanti alla Liga che ne aveva 700, però oggi è arrivata a due miliardi, mentre il calcio italiano è arrivato a un miliardo e 350 milioni. Poi secondo me sono state fatte alcune scelte sbagliate, La Lega non ha gestito bene la materia ed oggi siamo al quarto posto in Europa”. Ha poi aggiunto: “Per questo siamo favorevoli all’ingresso dei fondi come scelta strategica. Non solo perché portano risorse, ed anche importanti, ma per poter mettere a capo della gestione della Lega dei manager molto capaci come si è fatto in altri sport, vedi ad esempio l’automobilismo. Non credo che oggi si debba fare marcia indietro solo perché i diritti televisivi domestici vanno un po’ meglio dal punto di vista dei ricavi di quello che si pensava. Non bisogna avere una visione solo tattica, ma guardare ad una gestione più globale. Se poi c’è chi cambia idea per tattica o per altre motivazioni non meglio precisate, non fa una bella figura”.

Sul Giro

—  

Cairo si è poi soffermato sul Giro d’Italia e sul legame con la rai: “Il Giro è sempre stato sulla Rai tranne una breve parentesi, il percorso deve essere lungo, c’è un bel rapporto e anche quest’anno rimarrà sulla Rai. Spero che si vada avanti ancora per molti anni”.

Precedente Scarpa d’Oro, vola Lewandowski. Lukaku non si ferma, mentre CR7... Successivo Gaffe dell'ex arbitro Pieri: "L'Inter potrebbe perdere il derby a tavolino". Poi le scuse

Lascia un commento