Cagliari-Juve, Allegri: “Partita non capita. Volevo cambiarli tutti…”

CAGLIARI – Due rigori nel primo tempo e due gol del Cagliari. Poi la Juve tenta la rimonta nella ripresa con Vlahovic e l’autorete di Dossena. Ma la vittoria non arriva. Finisce 2-2 per un punto fondamentale per i sardi, ininfluente o quasi per i bianconeri. Nel post partita il tecnico Massimiliano Allegri ha parlato della sfida conclusa e non solo: “Il primo tempo come me lo spiego? Semplice, abbiamo preso 7 ripartenze perchè continuavamo a giocare tic-tac vicino e continuavamo a sbagliare. Quando trovi queste squadre come il Cagliari che ti saltano addosso, bisognava fare la battaglie, le parole dell’allenatore a Sky Sport.

Allegri e il post partita contro il Cagliari

“Tecnicamente abbiamo avuto delle difficoltà e non abbiamo capito la partita. Bisognava mettere la palla sopra. Invece, abbiamo preso 7 ripartenze e abbiamo sbagliato tutto tecnicamente senza vincere un contrasto. Quando giochi queste partite se non ti metti al pari dell’avversario dopo ne esci con le ossa rotte. Noi siamo una squadra che non sta dentro alla partita e se non corriamo come gli altri difficilmente possiamo vincere. Poi nel secondo tempo loro sono calati e noi tecnicamente abbiamo fatto una partita migliore. Però nel primo tempo non abbiamo capito la partita. Alcaraz e Weah? Dopo il primo tempo avrei dovuto cambiarli tutti. Me compreso. Ho visto errori tecnici che non ci volevo credere. Poi siamo stati bravi a rimetterla in piedi. Non vinciamo da diverse gare in trasferta e abbiamo perso un’occasione importante. Serve pazienza. Mi prendo il punto fatto e il secondo tempo. La Coppa Italia come riscatto? Non c’è da riscattarsi c’è da andare in finale contro una Lazio importante. Se giochiamo come nel primo tempo di oggi però sarà difficile”


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Ranieri e l'autogol di Dossena in Cagliari-Juve: "A fine partita..." Successivo Allegri: "All'intervallo dovevo cambiarli tutti, dovevo cambiarmi anche io"