Cagliari, crisi infinita. E tornano le nubi su Di Francesco

CAGLIARI – Cagliari solo al terzultimo posto. Ora non c’è più nemmeno il Torino a fargli compagnia. Una situazione così non si viveva dall’anno di Zeman, Zola e Festa. E dopo ogni sconfitta l’unica luce è la speranza della partita successiva. Nel frattempo il Cagliari è ancora in crisi: un punto nelle ultime otto partite. E c’è da rimarcare che, al di là del gruppetto di quattro squadre invischiato nella lotta per non retrocedere, le altre vanno che è una bellezza: lo Spezia, ad esempio, è quintultimo ma a sei punti dai rossoblù. La prossima pagina si chiama Atalanta. E l’impresa del Torino suggerisce al Cagliari che non esistono partite impossibili.

Lazio, con Immobile si vola: Cagliari ko 1-0

Guarda la gallery

Lazio, con Immobile si vola: Cagliari ko 1-0

Mancano i gol

Di contro c’è da registrare una buona tenuta della squadra di Di Francesco ieri davanti a una delle squadre più forti del campionato. Le occasioni per andare in vantaggio o pareggiare le gara sono state tre e contro la Lazio non è mai facile avvicinarsi alla porta avversaria. Il problema è che però il guaio sta diventando cronico: solo un gol nelle ultime cinque partite. Per ora la società è decisa ad andare avanti con il mister: la sconfitta di ieri non fa cambiare idea al presidente Giulini che ha già bloccato Di Francesco sino al 2022. Il punto della situazione è, però, aggiornato a fine mese dopo gli spareggi salvezza con Torino e Crotone.

Di Francesco: "Manca la vittoria, ora non dobbiamo mollare"

Guarda il video

Di Francesco: “Manca la vittoria, ora non dobbiamo mollare”

Di Francesco: “Crediamoci e non molliamo”

Manca la vittoria – ha detto Di Francesco a fine gara – Ci siamo andati vicini altre volte, anche la settimana scorsa, aspettiamo da tempo questi tre punti che non sono ancora arrivati. L’aspetto psicologico sicuramente pesa, ma non dobbiamo mollare, dobbiamo invece essere ancora più resilienti, credere sempre nel lavoro. Rimbocchiamoci le maniche, ci riproveremo la settimana prossima. Dobbiamo tornare a vincere“. Nainggolan ancora una volta uscito nel momento in cui la sua presenza sarebbe stata fondamentale: “Può darsi che Radja abbia avuto un pochino di qualità in meno – ha detto ancora Di Francesco – ma è in crescita di condizione. Lo sto schierando come trequartista per dare continuità. Pavoletti ha fatto un grande lavoro per la squadra: si è sacrificato. Importante è non perdere la nostra identità“.

Precedente Neymar: "Io e Mbappé due fratelli, voglio restare al Psg" Successivo Frosinone, Nesta da brividi: al bivio c'è l'Ascoli

Lascia un commento