Cagliari, c’è Semplici per la missione salvezza

CAGLIARI – Alla fine a vincere la corsa verso la panchina del Cagliari è stato Leonardo Semplici che ha battuto la concorrenza di Roberto Donadoni e Aurelio Andreazzoli. Frenetica la giornata di ieri che ha visto prima l’uno e poi l’altro avvicendarsi nelle preferenze del presidente Tommaso Giulini che nel frattempo si è assicurato la collaborazione di Stefano Capozucca, da ieri nuovo ds del club.

Cagliari, così è dura: Bremer fa impazzire il Torino

Guarda la gallery

Cagliari, così è dura: Bremer fa impazzire il Torino

Le firme

Sia il dirigente che il nuovo allenatore saranno questa mattina a Cagliari per siglare i rispetti contratti anche se per prima cosa, Semplici, dovrà liberarsi dalla Spal con la quale è legato fino a giugno per poi accasarsi in Sardegna fino a giugno 2022. L’altro nodo in via di risoluzione e che ha impedito che andasse avanti la trattativa con gli altri due tecnici (domenica anche Massimo Rastelli sembrava uno dei possibili candidati ma la pista si è raffreddata nel volgere di poche ore) è quello dello staff tecnico che accompagnerà il nuovo allenatore rossoblù.

Nicola: "Di Francesco? Non mi sento il suo giustiziere"

Guarda il video

Nicola: “Di Francesco? Non mi sento il suo giustiziere”

La società, infatti, preferirebbe che il sostituto di Di Francesco lavorasse con gran parte del suo staff, mentre Semplici così come gli altri tecnici contattati, vorrebbero portare con loro gli uomini di fiducia con i quali hanno collaborato in passato. Dopo la parte burocratica, il neo allenatore rossoblù dirigerà, oggi pomeriggio, la sua prima seduta con la nuova squadra e si metterà subito al lavoro per cercare di ridare entusiasmo e fiducia in uno spogliatoio apparso demotivato e scarico […]

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Precedente Pagelle Benevento-Roma: Pellegrini sfortunato. Serata no per Veretout Successivo Fiorentina, Ribery sprinta: vuole esserci con l'Udinese

Lascia un commento