Buongiorno, il Napoli fa sul serio: ecco l’offerta di De Laurentiis

NAPOLI – Da mediano vecchio stile: tenace, sicuro, convinto. Il Napoli fa molto sul serio per Alessandro Buongiorno, l’uomo che in un colpo solo dovrebbe garantire il salto di qualità in difesa e confermare l’ambizione del club sul mercato. Una campagna di rifondazione, una trasformazione radicale profumata di rivoluzione tecnica e magari tattica, chi può dirlo, considerando che il difensore del Torino è abituato da un po’ a giostrare (e bene) in una difesa a tre. Dettaglio che tra l’altro introduce un amarcord magari fortuito, o forse no, si vedrà: un’estate fa, Buongiorno fu a un millimetro dal trasferimento all’Atalanta di Gasperini, casualmente tra i principali candidati alla panchina azzurra, ma poi fece marcia indietro. Certo fa sensazione, ma potrebbe assolutamente e soltanto essere una pura coincidenza: tutto sommato De Laurentiis lo aveva inseguito anche a gennaio, salvo poi scontrarsi con il muro del Toro, resistente e ostinato a respingere i corteggiatori del suo capitano. Ma c’è di più: il Napoli s’è già spinto oltre e ha confezionato una mega offerta da 35 milioni di euro più 5 bonus, in linea con la richiesta del Torino di 40 milioni di euro. Adl è estremamente convinto di puntare sul giocatore e sta provando a spazzare via la concorrenza, notevole e pericolosa: Inter, Milan, Premier e anche la Juve, indietro rispetto alle altre innanzitutto – ma non solo – per facoltà di manovra sul mercato.  

 Buongiorno e la strategia del Napoli

Fatto sta che il Napoli è deciso, certo e anzi certissimo di aver individuato un grande obiettivo per regalare forza, qualità e personalità alla difesa e alla squadra. Per chiudere una volta per tutte la successione di Kim, in questa fase nel mirino dei tedeschi per una serie di prestazioni non proprio esaltanti con il Bayern – l’ultima contro il Real in Champions – ma solo un anno fa straordinario interprete del film scudetto. E così dopo una serie di scelte, strategie e scommesse sbagliate, e dopo aver deciso di attendere l’estate in occasione della sessione di gennaio così da non cadere in frettolose soluzioni orientate da uomini non più al centro o già esclusi dai progetti futuri (come Mazzarri), il club ha studiato il piano. Adl e il nuovo responsabile in pectore dell’area sportiva, Giovanni Manna, ancora formalmente legato alla Juve fino alla conclusione ormai vicina della stagione e dunque non ufficialmente al comando delle operazioni in attesa degli annunci. Questione di tempo. Ma gli indirizzi e la matrice cominciano a comparire.  

Un difensore completo: le caratterische

Buongiorno, dicevamo, è il centrale buono per tutte le stagioni: difesa a tre e a quattro, temperamento, marcatura e potenziale offensivo (3 gol in campionato). Non è a caso il capitano del Torino e neanche a caso aspira legittimamente a disputare il prossimo Europeo con la Nazionale di Spalletti: 190 centimetri, 25 anni da festeggiare il 6 giugno, il dominio del gioco aereo e anche notevoli rapidità ed esplosività atletica, come parso chiaramente nell’ultimo confronto con Osimhen al Maradona, un centravanti che sa essere scheggia e uragano pure nelle giornate non esattamente di grazia. Il Napoli, per lui, è pronto a spingersi oltre, a investire, a scommettere a occhi chiusi: l’offerta da 35 milioni più 5 di bonus, totale 40, è la firma in calce alle intenzioni. 


Precedente Disastro Karsdorp, la prova che alla Roma lì serve altro Successivo Juve, McKennie al Manchester United? Mercato hackerato, mezz'ora di follia social

Lascia un commento