Buone notizie, Mihajlovic lascia l’ospedale: presto riabbraccerà il suo Bologna

Il tecnico rossoblù ha risposto bene alle cure: ora qualche giorno con la famiglia, a breve tornare a guidare la squadra dalla panchina

Trentaquattro giorni dopo, Sinisa Mihajlovic torna finalmente a casa – a Roma – a godersi la famiglia per qualche giorno. Il tecnico del Bologna è uscito in questi minuti dall’Ospedale Sant’Orsola in cui era ricoverato dal 29 marzo scorso per combattere una possibile insorgenza legata alla leucemia. Ricovero terminato insomma, con i valori e le analisi che hanno dato segnali buoni e confortanti. Dopo oltre un mese di cure, il tecnico del Bologna passerà appunto qualche giorno con i propri cari e poi tornerà a Bologna e a Casteldebole dai suoi ragazzi, quelli che lui ha guidato da remoto e che sono imbattuti da sei partite.

Imbattuti

—  

L’inizio di tutto questo “secondo tempo” ha una data: il 26 marzo, Sinisa Mihajlovic convoca a sorpresa una conferenza stampa nella quale racconta di doversi sottoporre ancora ad alcune cure per alcuni campanelli d’allarme che potrebbero riportarlo indietro nell’incubo iniziato nel luglio 2019, quando venne ricoverato la prima volta per combattere una leucemia acuta mieloide. Tre giorni dopo quell’annuncio, il tecnico del Bologna entra in ospedale e subito – attraverso il suo club – fa diffondere un video in cui parla alla squadra fra risate, sorrisi, temi ovviamente forti e anche una frase in cui il tecnico serbo afferma che “non mollerò di un centimetro e so che lo farete anche voi. E so che vincerò anche questa volta”. Si era, in quel giorno, alla vigilia della partita che il Bologna doveva giocare a San Siro contro il Milan. Partita finita 0-0 e per la quale Mihajlovic – costantemente collegato da remoto tramite video e auricolari col suo staff – ha poi fatto i complimenti a tutti dicendo “Sono orgoglioso di voi”.

Da quel giorno, il Bologna United (guidato in panchina da Miroslav Tanjga e Emilio De Leo) si è rimesso in moto e non ha più perso una partita, quindi contro Sampdoria, Juventus, Udinese, Inter e Roma. Dieci punti in 6 partite. “Qui non mi fanno più uscire perché dicono che senza di me non perdete mai” aveva detto giovedì scorso alla squadra che era andato a trovarlo sotto la finestra del Sant’Orsola come era accaduto il 15 settembre 2019 dopo aver vinto a Brescia. “Domenica perdete, così esco. Oppure no, va bene lo stesso…”. Il Bologna non ha perso all’Olimpico contro Mourinho e lui, Sinisa, oggi è uscito dal Sant’Orsola. Il Bologna United può riabbracciarsi: fisicamente succederà fra qualche giorno, ma è come se l’abbraccio non fosse mai finito.

Precedente Gol di Acerbi, tuona il presidente dello Spezia: "Errore grave e inaccettabile" Successivo Spezia-Lazio, gol in fuorigioco di Acerbi: cosa si sono detti l’arbitro Pairetto e il Var Nasca

Lascia un commento