Buffon: “Non prendo in considerazione l’idea di smettere”

ROMA – “Devo dire la verità e non per difendere il gruppo, il problema dell’Italia è stata solo la buona sorte. Quando vinci il Mondiale e l’Europeo ti deve andare tutto bene, ora sta pagando quel briciolo di fortuna avuto in precedenza” ha dichiarato Gianluigi Buffon a Radio anch’io sport. L’ex portiere della Nazionale ha commentato le ultime due partite di qualificazioni ai Mondiali dell’Italia: “Nelle due gare la prestazione c’è stata sono stati due pareggi figli della casualità. Non credo il problema dipenda dagli attaccanti, non li metto in discussione, soprattutto Ciro Immobile. Verso di lui che ha numeri e lavora tanto ci vuole più clemenza“.

Le parole di Buffon

La mia testa e il mio corpo rispondono alla grande e io in questo momento non prendo in considerazione l’idea di smettere, mi accorgo di essere un giocatore molto importante per i miei compagni e i tifosi del Parma, per me è molto gratificante. Una nuova chiamata da Mancini per l’ultimo Mondiale? Non voglio che al ct che ha già tante pressioni ne aggiunge una nuova” ha aggiunto Buffon.

Buffon su Juve e Ronaldo

La Juventus sta solo vivendo un passaggio, non so se generazionale o di ossatura di squadra che sta cambiando, ma un po’ di dazio lo paghi. Se hai certezze come Allegri o i giocatori, magari non arrivi all’obiettivo (lo scudetto, ndr) ma vicino ci vai...” ha spiegato il portiere sulla Juventus. Su Cristiano Ronaldo: “Cristiano Ronaldo? Credo che nessuno possa essere rimasto stupito dal suo addio. Ha la nomea di grandissimo professionista, riferito soprattutto a se stesso. I tifosi lo hanno idolatrato per le prestazioni e i gol, e sulla scelta di andare via non ci vedo nulla di illogico. E’ stata una scelta da parte sua ponderata e razionale, che ha confermato il percorso della sua carriera. Posso solo parlare bene di Cristiano, è un professionista eccezionale e dà il cento per cento per la causa“.

Precedente Brasile-Argentina sospesa: polizia in campo per i giocatori che dovevano essere in quarantena Successivo Napoli, Mertens, Ghoulam e Demme vogliono esserci con il Cagliari

Lascia un commento