Bremer, numeri da Sergio Ramos: perché la Juve lo valuta quanto un bomber

Il segreto, forse, si annida proprio lì, tra l’arguzia e l’ironia di cui sono cariche le considerazioni di Max Allegri: «Quest’anno sembra pure più alto». La freccia carica d’ambrosia scoccata qualche settimana fa dal tecnico bianconero ha per bersaglio Gleison Bremer, gigante nella finora giganteggiante stagione della Juventus. L’ultimo grande investimento sul mercato operato alla Continassa non sta tradendo le attese e, a un anno e mezzo dal salto di sponda del Po, dal granata al bianconero, il brasiliano è ormai una certezza dello scacchiere di Allegri. Una certezza lì dietro e una certezza là davanti.

Juve, la fabbrica del clean sheet

Il punto nevralgico nelle prestazioni del 26enne bahiano resta l’apporto difensivo, esaltato da chili e centimetri con cui tiene le punte avversarie a debita distanza dalla porta bianconera e sublimato dalle letture con cui gioca d’anticipo e prende sul tempo i dirimpettai. Qualità che finora hanno concorso a fare di quella guidata da capitan Danilo la retroguardia con più clean sheet della Serie A.

Precedente Szczesny, il salvataggio super contro il Sassuolo Successivo Manata in faccia in Bayern-Union: Bjelica chiede scusa, ma non a Sané

Lascia un commento