Brahim Diaz e Dalot, ecco il piano del Milan per tenerseli

Entrambi classe ‘99, si sono già messi in bella evidenza ma c’è un problema: sono arrivati in prestito secco. E Maldini, col benestare di Elliott, sta già trattando con Real e United

Quella terribile classe ‘99. Ma non parliamo di professori disperati alle prese con tanti Pierino. Qui a essere terribili, nel senso bello della parole, sono i ragazzini del Diavolo. I nati nell’ultimo anno dello scorso millennio, che non solo fanno da contraltare alla saggezza di Ibra e Kjaer, ma studiano secco per diventare la spina dorsale del Milan che verrà. Due, in particolare, hanno acceso le attenzioni di chi osserva questa squadra senza macchia da 24 partite. Due, in particolare, perché si tratta di facce nuove: Brahim Diaz e Diogo Dalot.

Precedente Insigne, il rinnovo non arriva. L'agente: "Nessun incontro col Napoli" Successivo Toro, Belotti in dubbio fino alla fine. Milinkovic insidia Sirigu

Lascia un commento