Bologna, per Mihajlovic un mercato solo in “prestito”

BOLOGNA – Quando non ci sono i soldi, o meglio, quando il proprietario decide che non è il momento di tirarne fuori ancora avendone già tirati fuori tanti, è come se ti trovassi di fronte a un bivio se vuoi o devi fare mercato. La prima via che puoi percorrere è quella delle idee da rendere concrete con la formula del prestito (o secco o con diritto di riscatto), nel senso che devi saper individuare quei rinforzi che in altre squadre non trovano spazio e che di contro nella tua potrebbero diventare costruttivi. La seconda è più traumatica, perché devi mettere in vendita almeno uno dei tuoi tesori di famiglia. Vuoi mantenere quelli che da sempre sono stati i tuoi principi, e cioè non sei disposto a lavorare per le altre società e neanche a far sottoscrivere contratti lunghi a calciatori di trent’anni e di conseguenza preferisci investire?

Mihajlovic: "2020 anno terribile sono tutti gli aspetti"

Guarda il video

Mihajlovic: “2020 anno terribile sono tutti gli aspetti”

In questo caso non ti resta (appunto) che sacrificare il talentino per il quale ricevi un’offerta importante. In poche parole, ti autofinanzi il mercato in entrata con i soldi di quello in uscita, vendi prima per ripianare e poi per fare nuovi investimenti. Ma qui casca l’asino, perché un conto è vendere bene come fa di solito l’Atalanta o come ha fatto il Verona nella passata estate e un conto sarebbe svendere quello che hai fatto passare come il fiore all’occhiello di un tuo mercato precedente, perché né TomiyasuSchoutenVignatoSkov Olsen e neanche Svanberg, no, nessuno di loro meriterebbe di essere messo in saldo. Non parliamo di Barrow e Dominguez perché fare una plusvalenza sia con l’uno che con l’altro sarebbe complicato, visto quanto sono costati.

Atalanta, Muriel non basta: il Bologna di Mihajlovic rimonta e fa 2-2

Guarda la gallery

Atalanta, Muriel non basta: il Bologna di Mihajlovic rimonta e fa 2-2

Vendere, ma non in saldo

La traduzione di questa lunga premessa è la seguente: convinti come siamo che Walter Sabatini e Riccardo Bigon per niente al mondo molleranno uno dei loro gioiellini per una cifra che non valga fino in fondo le loro potenzialità, o nel frattempo arriverà un’offerta molto significativa che è consigliabile prendere in considerazione oppure questi talentini resteranno a Casteldebole e il Bologna farà in entrata quello che potrà fare. In base, ecco il punto, sia a quelle che sono le (poche) disponibilità economiche che le necessità della squadra. Dopo aver parlato, è evidente, con lo stesso Sinisa Mihajlovic, che potrebbe anche decidere di rimanere con questo organico, pur di non perdere uno dei propri giocatori. Per il momento va sottolineato come a Bigon non siano arrivate proposte da indurlo in tentazione, tanto è vero che ha già fatto sapere al Parma di non essere disposto a dare come contropartita tecnica per Roberto IngleseVignatoSkov Olsen in prestito, e probabilmente non ne arriveranno a gennaio, perché tante altre società italiane sono messe come il Bologna, potendo fare […]

Leggi l’articolo completo sull’edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio

Precedente 5 cambi? Per Pioli è lo stesso, Gattuso non può farne a meno Successivo Nainggolan a Villa Stuart: “Contento di tornare al Cagliari. Inter? Non ho avuto possibilità”

Lascia un commento