Bidoni, rossi e panteroni: tutti gli uruguaiani della storia della Juve

La garra charrua. Quella rabbia agonistica tipica dei calciatori uruguaiani, che fa tanto comodo a tutte le squadre, persino alla Juventus. Che non per niente sente la mancanza del vero Bentancur. Il centrocampista ex Boca era fondamentale per la squadra di Sarri e di Pirlo, dopo aver trovato continuità già con Allegri. Il ritorno di Max sulla panchina, però, non ha aiutato il calciatore, che anzi, nell’ultimo periodo sembra l’ombra di se stesso. E qualcuno comincia a parlare di cessione. Del resto, la storia recente degli uruguaiani a Torino non ha mezze misure. O sono acquisti top, spesso sottovalutati, o si tratta di flop memorabili, anche a causa degli infortuni…

Precedente Lecce si gode Strefezza: ecco quanto è costato il miglior giocatore della B Successivo DIRETTA/ Grecia Spagna (risultato finale 0-1): sorpasso sulla Svezia!

Lascia un commento