Berti: “Epic va tenuto. Se proprio serve un sacrificio, Eriksen per De Paul”

L’ex centrocampista: “Se Conte fa giocare sempre Brozovic, un motivo ci sarà. Corre più di tutti, lavora palloni sporchi. E con tre rinforzi si vince la Champions”

Luca Taidelli

19 maggio – Milano

Nicola Berti non guarda in faccia a nessuno. Come quando galoppava anarchico da area ad area, l’ex centrocampista dell’Inter (uno scudetto, due Coppe Uefa e una Supercoppa italiana in dieci stagioni) analizza per noi le prospettive nerazzurre e pone il veto sulla cessione di Brozovic. Con una premessa importante: “Portato a casa lo scudetto, a me interessa solo la Champions. Con tre rinforzi la vinciamo!”.

Berti, pare che Brozovic abbia il classico mal di pancia e voglia andare al Psg.

“Se lo faccia passare. Brozo è fondamentale per gli equilibri dell’Inter e se gioca sempre un motivo ci sarà. Conte ha capito che tra chilometri percorsi, grinta, capacità di non tirare mai indietro il piede e di ripulire palloni sporchi, al croato non si può rinunciare”.

Per fare tornare i conti però pare che un big vada ceduto. Se non Brozovic, chi sacrificherebbe?

“Questo gruppo non va toccato. Vinto lo scudetto, bisogna andare a prendersi la Champions. Perché noi la giochiamo, mentre altri…”.

Una tra Juve e Milan in effetti rischia parecchio. Chi preferirebbe che stesse fuori?

“Speravo nella doppietta, ma la Lazio si è inceppata… Visto che avevo detto prima del match di sabato che se la Juve avesse vinto e fosse entrata nelle quattro non avrebbe fatto la rivoluzione che invece le serve, diciamo Milan…”.

Cosa pensa dell’arbitraggio di Calvarese in Juve-Inter?

“Cuadrado nell’episodio decisivo si è buttato. Eppure gli hanno dato rigore. Come al solito”.

Crede che il futuro di Ronaldo alla Juve dipende dalla qualificazione in Champions?

“Non ho capito se quelle auto caricate sul camion nella notte le portava a riparare… Mettiamola così, se la Juve arriva nelle prime quattro aumentano le possibilità che le auto di Ronaldo tornino indietro”.

Tornando all’Inter e al centrocampo, tenere tutti non si può. Quindi se proprio dovesse sacrificarne uno…

“Rispondo solo perché mi costringe. Barella è fuori discussione, insieme avremmo composto una coppia incredibile. Quindi se proprio devo sacrifico Eriksen. Il danese ha piedi super ma se la sua cessione servisse a prendere De Paul… Stravedo per l’argentino dell’Udinese. Ha grinta, fisico, tecnica, tiro, senso del gol”.

Conte in alcune occasioni ha schierato Eriksen da regista al posto di Brozovic.

“Le ripeto, Christian ha la qualità per giocare anche basso e avviare l’azione. Ma in fase di non possesso in quella posizione rischia di soffrire. E poi non dimentichiamo uno come Sensi e lo stesso Gagliardini, che ha sempre fatto il suo”.

E di Vidal cosa ci dice?

“Che ha fatto un solo gol, ma alla squadra giusta (la Juve, ndr.). E che se resta, sarà decisivo nella finale di Champions”.

Precedente Attenti, la volata Champions può riservare altre sorprese Successivo Icardi-Mbappé show: il Psg vince la Coppa di Francia

Lascia un commento