Bernardeschi, problema a un adduttore. Oggi gli esami, salta la Lazio?

Come tornano i calciatori dopo la pausa nazionali: Bonucci e Chiesa hanno speso tantissimo, McKennie gasato, sollievo per Dybala e Bentancur

Gli esami strumentali chiariranno nelle prossime ore se Federico Bernardeschi dovrà allungare la lista degli indisponibili per Lazio-Juventus: nel corso del match di Belfast, tra Irlanda del Nord e Italia, ha avvertito un fastidio all’adduttore. Gli altri reduci dal ritiro azzurro stanno bene ma tornano alla Continassa con il morale a terra, avendo fallito la qualificazione diretta a Qatar 2022. Leonardo Bonucci e Federico Chiesa hanno inoltre speso tante energie fisiche e mentali nei due match giocati in settimana, Max Allegri ritrova un po’ più fresco Manuel Locatelli, che ha giocato meno rispetto ai compagni: 62 minuti all’Olimpico contro la Svizzera e i 22 finali di ieri sera.

GLI ALTRI REDUCI

—  

Come gli azzurri, che saranno costretti a giocarsi la qualificazione al prossimo Mondiale attraverso i playoff a fine marzo, il calendario si allunga sicuramente anche per Wojciech Szczesny (in campo nella Polonia sia nella vittoria contro l’Andorra sia nel pareggio contro l’Ungheria), per Dejan Kulusevski (16 minuti in campo nella Svezia contro la Georgia e 64 contro la Spagna) e Aaron Ramsey (titolarissimo e autore di una doppietta nel Galles contro la Bielorussia e oggi nuovamente in campo contro il Belgio). Chi torna sollevato da una buona parentesi in nazionale è Alvaro Morata, protagonista per 65 minuti a buon livello contro la Grecia e sopratutto autore della rete decisiva contro la Svezia che ha regalato alla Spagna la qualificazione diretta al Mondiale.

DA VALUTARE

—  

In vista della trasferta dell’Olimpico, Max Allegri può far leva sul buon momento di Weston McKennie, di ritorno dal ritiro dell’USA dopo aver segnato con il Messico perché squalificato nel prossimo match contro la Giamaica. Non preoccupano, ma andranno comunque valutati al loro rientro, Paulo Dybala e Rodrigo Bentancur: il primo si è fermato in tempo contro l’Uruguay per un sovraccarico all’adduttore, sta bene; il secondo pare aver già smaltito la botta al ginocchio presa in uno scontro di gioco e per quale aveva abbandonato il campo nel finale di match di Uruguay e Argentina. Con la qualificazione al Mondiale già in tasca, la seconda gara in programma per il Brasile sarà meno impegnativa per Danilo e Alex Sandro. Mentre Matthijs De Ligt, che potrebbe tornare utilissimo alla Juve visto l’infortunio di Giorgio Chiellini, ha giocato un solo minuto nell’Olanda contro il Montenegro e potrebbe non partire titolare anche contro la Norvegia: tornerà alla Continassa più fresco.

Precedente Irlanda del Nord-Italia, boom di ascolti: oltre 10 milioni davanti alla tv Successivo Riecco i nazionali di Pioli: Diaz carico, Ibra, Leao e Tonali delusi

Lascia un commento