Bereszynski, Quagliarella e lezioni di napoletano

Bartosz Bereszynski è a Napoli da meno di una settimana e qualche rudimento di lingua napoletana l’ha appreso da Quagliarella, nello spogliatoio della Samp: «Senza capirci niente!». Comprensibile. Però una cosa gli è già chiara grazie alle parole di Zielinski, un amico e un collega di Nazionale: quella con la Juve non è mai una partita qualsiasi per il popolo azzurro. E ora vale anche uno strappo-scudetto: «Conosco Piotr da anni e mi ha spiegato tante volte cosa significasse giocare con la Juventus in uno stadio pieno. Abbiamo un obiettivo e vogliamo vincere: sarebbe fondamentale».

Amici miei

E allora, la prima di Bartosz Bereszynski, il volto nuovo di gennaio scavato nella roccia dello scambio di terzini di fascia destra con la Samp: Zanoli a Genova a combattere per la salvezza e lui a sognare la gloria. «Essere a Napoli è un onore – dice ai microfoni di Kiss Kiss Napoli – Vivo un periodo splendido tra il Mondiale e questa novità, sono molto felice». Ma sia chiaro: «Non voglio fare presenza nella squadra: davanti a me c’è Di Lorenzo, un grandissimo, ma voglio dimostrare di poter garantire un contributo. Darò tutto». Polacco di Poznan, 30 anni compiuti a luglio, sei stagioni in Serie A alle spalle e la chance di trasformare in meraviglia la settima: «Già mi sento parte di questo gruppo. Sei anni fa sono partito dalla Samp con l’obiettivo di migliorarmi e ora sono qui: la sfida di Marassi è stata molto speciale per me, tante emozioni, ma penso solo alla prossima. Alla Juve: so quanto sia importante». In campo ci sarà tanta Polonia: «Milik e Szczesny sono compagni di Nazionale ma durante la partita non saranno nostri amici: sarà un due contro due con me e Zielinski. Speriamo di essere noi i più contenti alla fine».

Il jolly

Spalletti lo sta inserendo nei meccanismi tattici con la consapevolezza di aver acquisito un jolly: Bereszynski gioca a destra ma al Mondiale è stato sempre schierato a sinistra. «La Coppa in Qatar è stata un’esperienza super e io faccio sempre senza problemi quello che mi chiede l’allenatore: destra, sinistra o anche braccetto di una difesa a tre». Prime impressioni sulla città? «Mi piace tanto. Piotr mi ha sempre raccontato di come vivesse bene». E presto, magari, lezioni di napoletano: «Quagliarella ogni tanto parlava in dialetto ma non capivo nulla! Di certo voglio studiarlo anche nel rispetto delle persone che vivono qui».

Napoli, la carica dei 50mila in vista della Juventus

Guarda il video

Napoli, la carica dei 50mila in vista della Juventus

Precedente Roma, Karsdorp: il nodo ingaggio frena il Monza Successivo Serie A: colpo Sanabria, giocherà in Europa

Lascia un commento