Bennacer ci prova per la Fiorentina. E Florenzi vede la luce

L’algerino si è allenato a parte e sarà valutato giorno per giorno. La sua presenza o meno incide su due reparti. Per il terzino corsa sul campo: nel mirino il Verona

E’ stato senza dubbio un derby da dimenticare, quello di Coppa Italia, per Bennacer. Prima la beffa del gol annullato per il contestatissimo fuorigioco di Kalulu e poi un problema alla caviglia che l’ha costretto a lasciare il campo a una ventina di minuti dalla fine. Una distorsione che l’ha tolto di scena anche a Roma con la Lazio, dove però Ismael ha potuto consolarsi ammirando l’entusiasmante successo dei compagni in chiave scudetto.

Duplice effetto

—  

Ora arriva la Fiorentina (domenica ore 15 a San Siro) e la presenza di Bennacer resta sub iudice. Oggi l’algerino, dopo i due giorni di riposo concessi da Pioli alla squadra, ha lavorato a parte e verrà valutato giorno per giorno. I miglioramenti comunque ci sono e quindi potrebbe farcela per la Viola. In tal caso sarebbe poi da capire se sarebbe utilizzabile dal primo minuto o meno. Perché la sua presenza, o meno, è ormai chiaro come abbia un duplice effetto. Sulla mediana: con “Isma” a posto fisicamente, la coppia di riferimento vede lui con Tonali. E sulla trequarti: se Bennacer è in mediana, Kessie può agire al centro del tridente. Senza l’algerino invece in mediana la soluzione è obbligata – Tonali-Kessie – e dietro il centravanti ci deve andare Diaz (o al massimo Krunic).

Gli altri

—  

Per quanto riguarda gli altri, Ibra ha svolto una seduta personalizzata come sempre accade all’inizio della settimana lavorativa, mentre prosegue bene il recupero di Florenzi che sta rispettando la tabella di recupero dopo l’operazione al ginocchio: l’esterno oggi ha ripreso a correre sul campo e mette nel mirino la trasferta di Verona dell’8 maggio.

Precedente Juve: out De Sciglio, ecco chi può tornare col Venezia e chi pensa già all’Inter Successivo Diretta/ Bologna Inter (risultato finale 2-1): paperissima di Radu, Sansone ringrazia