Belgio-Francia 2-3: gol vittoria di Theo Hernandez nel finale, Lukaku ko

TORINOLa Francia di Didier Deschamps vola in finale di Nations League grazie al gol nel finale da Theo Hernandez. Partita spettacolare all’Allianz Stadium che si chiude sul 3-2: Carrasco e Lukaku portano in vantaggio Martinez, poi Benzema, Mbappé e il terzino del Milan completano una straordinaria rimonta. I Blues affronteranno la Spagna in finale mentre il Belgio sarà l’avversaria dell’Italia nella “finalina” per il 3° e 4° posto.

Belgio-Francia, tabellino e statistiche

Le scelte di Martinez e Deschamps

Sfida tra tridenti da sogno per Belgio-Francia: Martinez si affida a Lukaku, De Bruyne e Hazard, mentre Deschamps risponde con Griezmann dietro Benzema e Mbappé. In campo per la Francia i fratelli Hernandez, con Theo, giocatore del Milan, sulla fascia e Lucas nella difesa a tre insieme a Varane e Koundé. A centrocampo invece Rabiot e Pogba. Per il Belgio Carrasco e l’ex Atalanta Castagne sulle fasce, con Tielemans e Witsel a centrocampo. Dietro difesa a tre con Alderweireld, Denayer e Vertonghen. 

Carrasco sblocca la partita, Lukaku raddoppia

Primo tempo esplosivo allo Juventus Stadium, con ritmi altissimi e tanta qualità in campo. La partita si apre con un miracolo di Lloris che, al 4′, sfodera una parata incredibile sul tiro a colpo sicuro di De Bruyne. La Francia reagisce subito con lo scatto di Mbappé che supera la difesa belga ma si allunga troppo il pallone, prova un assist di tacco ma viene bloccato. Gara equilibrata e ad alta intensità nella prima mezz’ora, con le due formazioni che si scambiano occasioni senza sosta. Nell’ultimo quarto d’ora però il Belgio cresce e chiude la Francia nella propria trequarti difensiva. Il dominio della squadra di Martinez si concretizza con il gol del vantaggio al 37′: Carrasco parte velocemente e entra in area dove calcia sul primo palo sorprendendo Lloris che rimane immobile. Il Belgio non ha intenzione di fermarsi e, approfittando dell’ottimo momento, trova anche il gol del raddoppio con Lukaku: al 41′ assist di De Bruyne per l’ex Inter che da posizione defilata batte il portiere francese di nuovo sul suo primo palo. Lloris in difficoltà in questi due gol dopo le ottime parate nei primi minuti. Il primo tempo si chude così con il doppio vantaggio di Lukaku e compagni.

Francia, che rimonta! Benzema, Mbappé e Theo Hernandez per il 3-2

La Francia, come previsto, torna in campo molto aggressiva trovando subito delle buone chance con Pogba. Sorprende invece il Belgio che sbaglia molti palloni e subisce senza reagire l’offensiva dei francesi. Al 58′ errore clamoroso di Griezmann che, servito in area da Mbappé, si divora il gol da due passi. La Francia però continua a spingere e trova il gol che accorcia le distanze al 61′: ancora Mbappé, smarca tutti e serve Benzema che si gira e batte Courtois. Momento di grande difficoltà del Belgio che al 68′ concede anche un rigore, con Tielemans che colpisce il piede di Griezmann invece della palla. Dagli undici metri si presenta Mbappé che riscatta l’errore decisivo agli Europei contro la Svizzere e firma il gol del pareggio. Ancora la Francia, a caccia anche del gol del vantaggio, al 77′: tiro di Griezmann respinto da Courtois, palla che resta al limite e viene calciata anche da Tchouameni ma il portiere del Real Madrid devia ancora. Partita intensissima nel finale. A quattro minuti dalla fine Mbappé scambia con Benzema e sfiora il palo. Sulla ripartenza il Belgio trova una grande azione con Carrasco che serve Lukaku per il gol del 3-2. L’arbitro però ferma tutto per il fuorigioco dell’attaccante del Chelsea. Non è ancora finita: all 89′ punizione per la Francia dai 25 metri con Pogba che colpisce l’incrocio dei pali. Partita incredibile che dopo tante occasioni viene decisa al 90′ da Theo Hernandez: palla di Pavard per Benzema che la perde, ci arriva il terzino del Milan che dal limite fulmina Courtois e completa la rimonta dei Blues. Deschamps vola in finale di Nations League dopo una partita intensissima mentre Martinez e il Belgio dovranno sfidare l’Italia nella “finalina”

Precedente Il caso Dusan Vlahovic continua a far rumore: Juventus in prima fila, c'è anche il Milan Successivo Inter, quante rimonte: Inzaghi è un mago dei cambi oppure sbaglia l'11 titolare?

Lascia un commento