Barone, il Viola Park strapieno per l’ultimo saluto. Juve, Ferrero e Giuntoli

È il giorno più triste per la Fiorentina e il mondo del calcio. In migliaia si sono raccolti al Viola Park per l’ultimo saluto a Joe Barone, deceduto martedì 19 marzo dopo essere stato ricoverato due giorni prima a causa di un attacco cardiaco. Non si sono fatti attendere i messaggi di cordoglio da parte di club e giocatori, che subito hanno manifestato la propria vicinanza alla famiglia dell’ex direttore generale della società. Inoltre, la camera ardente è stata allestita nel giorno del suo 58º compleanno.

Le immagini di oggi mostrano le lacrime del presidente Commisso, rientrato dagli Stati Uniti in compagnia della moglie. Presenti tra gli altri anche il ministro dello Sport Andrea Abodi, il presidente e l’ad della Lega Lorenzo Casini e Luigi De Siervo e il responsabile della CAN Gianluca Rocchi.

Le parole di Commisso e lo striscione dei tifosi

Ha lasciato la famiglia, tutto, per il club. Senza di lui non ci sarebbe il Viola Park, ma lui sarà sempre con noi”, ha detto Commisso alla camera ardente davanti al direttore sportivo Daniele Pradè, al tecnico Vincenzo Italiano e al resto della squadra. Gli ha fatto eco il direttore tecnico Nicolas Burdisso: “È molto difficile salutarti oggi Joe, te ne sei andato troppo presto, avevi ancora tanto da dare alla tua famiglia e alla tua Fiorentina. Sei stato un esempio di passione e determinazione, ho potuto lavorare e crescere insieme a te”.

“Hai una splendida famiglia che porterà sempre in alto il tuo nome. Ti sarò sempre grato per avermi fatto fare parte della famiglia Viola. Tutti insieme daremmo il massimo per onorarti come lo meriti. Spero che tu sia con Diego, il tuo idolo, a parlare di calcio”, ha concluso Burdisso. Un messaggio di addio è arrivato anche dai tifosi, che per l’occasione hanno esposto lo striscione “Eternamente fiorentino”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Palermo, Segre: "Crediamo alla Serie A. Gli uomini forti si vedono in questi momenti" Successivo Milan, Bennacer lascia il ritiro della nazionale per infortunio: le condizioni

Lascia un commento