Barcellona: buona la prima per Xavi, ma che sofferenza nel derby!

BARCELLONA (SPAGNA) – Si apre con una vittoria nel derby con l’Espanyol la nuova avventura di Xavi sulla panchina del Barça. Successo soffertissimo per il successore di Koeman, che s’impone sui cugini grazie a un rigore più che generoso, ottenuto e trasformato da Memphis Depay. Gli ospiti, nel generoso forcing finale, centrano due legni con l’ispirato Raul De Tomas. Barça a -8 dalla capolista Real Sociedad, che domani ospita il Valencia. Qualche ora prima toccherà al Real Madrid, che visita il Granada.

Barcellona-Espanyol 1-0: tabellino e statistiche

Il primo undici di Xavi

C’era molta curiosità, a Barcellona, per il primo undici che avrebbe schierato l’attesissimo Xavi nella gara del debutto e, complice la lunga lista d’indisponibili, che comprende i vari Dest, Pedri, Ansu Fati, Agüero e Braithwaite, c’è subito tanta gioventù in campo. Il nome nuovo è quello di Ilias Akhomach, che debutta a 17 anni e 218 giorni, a completare il terzetto offensivo che contempla il coetaneo Gavi e Depay, che agisce da centravanti. Dietro di loro, uno spigliato Frenkie de Jong, con Busquets e il diciannovenne Nico Gonzalez. Davanti al confermatissimo Ter Stegen, ci sono, infine, il ventiduenne Mingueza e il ventenne Eric Garcia con gli esperti Piqué e Jordi Alba. Vicente Moreno risponde con un abbottonatissimo 5-4-1, con l’ex Milan Diego Lopez tra i pali e Raul De Tomas, reduce dal debutto nella Nazionale spagnola, come unico vero referente offensivo.

Barça, Laporta su Messi: "Non escludo un ritorno"

Guarda il video

Barça, Laporta su Messi: “Non escludo un ritorno”

Imbrigliati

La voglia di far bene è evidente per i ragazzini di Xavi, che cercano di mettere subito in campo le ottime idee del loro allenatore. Circolazione rapida, possesso palla infinito, ricerca ostinata delle fasce, pressing alto per recuperare subito i palloni persi, ma davanti alla doppia muraglia alzata dall’Espanyol è dura costruire occasioni degne di questo nome. Alla resa dei conti, nel primo tempo, ci provano solo Depay, dopo pochi scampoli di gioco, e Busquets, entrambi da fuori area, entrambi senza impensierire più di tanto Diego Lopez. Sul fronte opposto, invece, è l’ottimo Raul De Tomas a sfiorare il vantaggio ospite al termine di uno stop a seguire che fa fuori Mingueza, seguito da una serpentina, che si chiude con un tiro sporcato da Piqué che sorvola di poco la traversa.

Barça, Alves: "Torno per essere protagonista"

Guarda il video

Barça, Alves: “Torno per essere protagonista”

Minimo sindacale

La ripresa si apre con il diciannovenne Abde che sostituisce l’acerbo Ilias sul fronte d’attacco blaugrana e con un tocco smarcante di Gavi per Depay, che al 1’ di gioco crolla in area dopo un contrasto con Cabrera. Per il signor Del Cerro Grande è rigore. Sul dischetto, dopo l’ok del Var, si presenta lo stesso Depay, che insacca il primo gol della nuova era Xavi. A sfiorare il pari, sul fronte opposto, è il solito Raul De Tomas, che a metà frazione approfitta di un’esitazione di Mingueza per provarci con una botta che sfiora il palo. Varcata la mezz’ora, lo scatenato centravanti dell’Espanyol scheggia l’incrocio, direttamente da calcio piazzato. Poco dopo, è il subentrato Dimata a divorarsi il pari da ottima posizione. Nel finale, secondo legno per De Tomas, stavolta di testa. Tanta sofferenza per Xavi, che gioisce, comunque, per la prima vittoria. Per la miglior realizzazione del tiki-taka ci vorrà un po’ di tempo.

CLASSIFICA LIGA

Precedente Festa Fiorentina con Vlahovic: Milan, ecco il primo k.o. Successivo Genoa-Roma, ok la "combo" X2 più Over 1,5

Lascia un commento