Banda: “Ho cominciato come speravo, Lecce è una famiglia. Sogno la Champions”

L’intervista al nuovo acquisto salentino, scoperto da Corvino: “Mi ha convinto a venire qui. Poi ho chiamato amici e parenti, avvisandoli che sarei stato il primo zambiano della Serie A”

L’entusiasmo di un bambino, la determinazione di un grande uomo. Quando Lameck Banda pensa al suo Lecce, la parola d’ordine è una sola: “Wow”. Durante la videochiamata, lo ripete spesso. Chiude gli occhi, sorride, racconta di vivere dentro a un sogno. Passa un attimo e si fa serio: i suoi genitori sono morti quand’era piccolo. Lameck ha 21 anni e lavora sodo per regalare serenità alla sua famiglia.

Precedente Helsinki, parla Hetemaj: “Roma da scudetto, ma il rosso è esagerato” Successivo Ritorna Juric: "Che sofferenza guardare le gare in tv. Toro, ora devi segnare di più"

Lascia un commento