Autogol fatale: la Corea del Sud di Son riprende la Giordania nel recupero

La sfida al vertice del Gruppo E si chiude sul 2-2: la qualificazione ora si gioca all’ultima giornata

Francesco Albanesi 

20 gennaio 2024 (modifica alle 18:11) – MILANO

Pari tra le prime due della classe del Gruppo E della Coppa d’Asia: Giordania-Corea del Sud finisce 2-2. Entrambe si contendono il primato con 4 punti, ma la qualificazione se la dovranno conquistare all’ultima giornata.   

Giordania – Corea del Sud 2-2

—  

Dopo il 4-0 alla Malesia, la Giordania – 87ª nel ranking Fifa – si rivela un avversario ostico per la Corea del Sud, grande candidata alla vittoria finale. A sbloccarla è la Nazionale di Klinsmann, che dopo 9 minuti segna su rigore con Son. Il capitano coreano è una spina nel fianco sulla sinistra, così come l’ex Napoli Kim, insuperabile in difesa. I giordani sono micidiali in ripartenza e nel giro di nove minuti ribaltano completamente il risultato: al 37’ un autogol di Park riporta il risultato in parità, appena prima dell’intervallo Al Naimat fissa il 2-1 per la Giordania. La reazione della Corea del Sud arriva nel secondo tempo, passandolo nella metà campo avversaria e sbattendo sul portiere Layla. La Giordania sente profumo di vittoria, ma nel primo degli undici minuti di recupero Son e compagni siglano il 2-2 grazie ad un altro autogol, stavolta di Al Arab.

Bahrain's Waleed Alhayam, front, and teammates react after their win in the Asian Cup Group E soccer match between Malaysia and Bahrain at Jassim bin Hamad Stadium in Doha, Qatar, Saturday, Jan. 20, 2024. (AP Photo/Thanassis Stavrakis)

Bahrain – Malesia 1-0

—  

Tripudio Bahrain a Doha, incubo Malesia. E’ un gol al 95’ di Ali Madan a lanciare la Nazionale dello spagnolo Juan Antonio Pizzi alla prima vittoria in Coppa d’Asia dopo la sconfitta all’esordio. Una partita fin lì soporifera, con un tiro in porta per parte e tanti duelli a metà campo, risolta sull’ultima palla della partita da Madan, che raccoglie al limite dell’area e di punta la mette all’angolino, complice un intervento non perfetto del portiere avversario. Grande beffa per la Malesia, che adesso si ritrova con un piede e mezzo fuori dal torneo, in attesa dell’ultima gara contro la Corea del Sud. Il Bahrain, invece, sogna in grande dopo gli ottavi di finale raggiunti la scorsa edizione come migliore terza. Il destino si deciderà la prossima contro la Giordania. Gruppo E apertissimo.

Precedente La Reggiana ferma la corsa del Como. Ternana show con il Cittadella Successivo Grazie Mourinho e bentornato De Rossi: emozioni, lacrime e fischi all'Olimpico