Aurelien Paret-Peintre primo al traguardo di Levico Terme. Allo spagnolo Juan Pedro Lopez il Tour of the Alps

Lo spagnolo Juan Pedro Lopez Perez ,26 anni, alfiere del team statunitense Lidl-Trek, ha vinto il Tour of the Alps. In maglia verde dalla terza tappa ha concluso il tour senza apparente difficoltà. Il francese Aurelien Paret-Peintre 28 anni, alfiere del team francese Decathlon AG2R,ha vinto in volata la tappa conclusiva, primo al traguardo di Levico. Gli azzurri hanno trovato il podio finale con Tiberi.

Non accadeva dai tempi di Nibali, terzo nel 2019. Lacuna colmata quest’anno da Antonio Tiberi, 22enne di Frosinone, passista-cronoman in forza al team Bahrain Victorius, la squadra di Vincenzo Nibali. Il terzo posto nella classifica generale è un segnale importante. È l’uomo nuovo del ciclismo azzurro.

Gran finale a Levico Terme

Quinta e ultima tappa del Tour of the Alps (15-19 aprile), la corsa a tappe euroregionale – fra Tirolo austriaco, Alto Adige e Trentino – che mantiene sempre le promesse. È stato così anche in questa 47esima edizione: combattuta, rivelatrice di talenti (su tutti il laziale Antonio Tiberi, 22 anni), con un finale al cardiopalma: tre corridori in 48 secondi alla partenza.

Podio tutto da giocare. In una cornice di condizioni quasi estreme dal punto di vista atmosferico, tra freddo, pioggia e nebbia. Partenza alle 12.29 da Levico : prima parte pianeggiante, chilometraggio ridotto (118,6 km), primo GPM dopo 67,6 km di corsa, il secondo dopo 92,2 km. Foss vince il primo traguardo volante di Caldonazzo ed il secondo di Pergine Valsugana ; Carthy primo in vetta a Palu’ del Fersina. All’inizio dell’ultima salita di giornata – 37 km al traguardo -gruppo compatto. Ai -32 attacco a sorpresa di Tiberi e la corsa si accende. Ripreso a 3,5 km dalla vetta. Si registra una netta selezione. Resta al comando una ventina di corridori. Scollinamento. Poels davanti a tutti. Discesa tecnica. L’olandese della Bahrain vola. Ma dietro cercano di “cucire” il buco e ci riescono.

Lo strappo del Valico di Tenna

È l’unico strappo della corsa (663 metri). Ultimi 8 km. I testa 18 corridori. Bardet scappa trascinando tre uomini. Ripresi. Lopez controlla. Bagarre conclusiva. Scatti a ripetizione. Volatona finale. Il francese Aurelien Paret- Peintre vince a braccia alzate su Tiberi.

Ordine di arrivo

1. Aurelien Paret-Peintre, 2. Tiberi, 3. Valentin Paret-Peintre, 4. Bardet, 5. Poels, 6. Zana, 7. Rodriguez, 8. Fabbro, 9. Lopez, 10 Storer.

Classifica finale

1. Lopez, 2. O’Connor (+0.38), 3. Tiberi (+0.42), 4. Valentin Paret-Peintre ((+0.44), 5. Bardet (+0.48), 6. Poels (+0.48), 7. Storer (+1.40), 8. Pellizzari (+ 1.54), 9. Sosa (+2.52), 10. Piganzoli (+2.58).

Precedente L'Inter tiferà per il Marsiglia in Europa League: in caso di successo con Correa sarà addio Successivo "Napoli, concorrenza del Barcellona per Guido Rodriguez"