Atalanta-Roma, richiesta giallorossa respinta: anticipi e posticipi della trentaseiesima giornata

La Lega Serie A non ha accolto la richiesta della Roma di spostare lo scontro diretto per un posto in Champions League contro l’Atalanta. A Bergamo si giocherà comunque domenica 12 maggio alle 20:45, nonostante i giallorossi avessero chiesto di scendere in campo lunedì ricavando più tempo per recuperare dalle semifinali di Europa League, dove entrambe le squadre saranno impegnate.

La lettera della Roma e il rifiuto della Lega Serie A

Così recitava la lettera inviata dalla Roma alla Lega Serie A: “Tale richiesta deriva non solo dalla centralità di questa partita ai fini della qualificazione alla prossima edizione della Champions League, ma anche dalla esigenza di tutelare e garantire l’integrità del Campionato di Serie A, che siamo sicuri rappresenti un nostro comune obiettivo, al fine di costruire un prodotto di valore che sia credibile per tutti i soggetti interessati, dalle istituzioni ai tifosi”. Quello dello spostamento della gara tra Roma e Atalanta rimaneva comunque uno scenario abbastanza difficile da realizzare dato che già il 15 maggio i bergamaschi dovranno scendere in campo per la finale di Coppa Italia contro la Juventus. I giallorossi avevano proposto di posticipare l’ultimo atto della coppa nazionale al giorno dopo. La Lega però non è stata favorevole pensando ai tifosi che arriveranno a Roma per la finale da Bergamo e Torino che si sono già organizzati. Fatto sta che Atalanta e Roma scenderanno in campo appena tre giorni dopo le semifinali di Europa League rispettivamente contro Marsiglia e Bayer Leverkusen.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Lazio, un Tudor d’assalto per l’Eurojackpot Successivo Premier League e l'introduzione del tetto salariale: tutto quello che c'è da sapere

Lascia un commento