Atalanta-Napoli, le pagelle degli azzurri: Olivera potente, Lobotka fa tutto

E nove: in una serata (anche) di sofferenza, arricchita dall’intelligenza nella fase passiva, contro un’avversaria di spessore tattico.

Meret 7

Al 3’ è già in partita, su Hoijlund, al quale strozza la felicità sbattendogli la porta in faccia. Il prodigio è su Maehle (9’), roba da palati fini.

Di Lorenzo 6

Stavolta c’è la sudare, e parecchio, perché Lookman viaggia su velocità (quasi) disumane.

Kim 6,5

Ha la regia del settore, chiama la linea e va al frontale con chi attacca centralmente, Quando si immola su Malinvoskyi fa urlare chiunque.

Juan Jesus 6,5

Scopre che Hojlund, 19 anni, ha malizie pari alle sue, 31 anni. Ma l’esperienza aiuta, eh.

Olivera 7

Per un bel po’ fa sgolare Spalletti, perché sta basso e lascia campo ad Hateboer. Poi sente e traduce il pensiero dell’allenatore, attaccando, dando la sensazione della sua potenza atletica.

Anguissa 6,5

Il tacco al 6’ in area sua basterebbe, ma non si può. Spalanca il campo a Osimhen per il 2-1, danza sul pallone e costringe Ederson a porsi mille domande, una su tutte: come si ferma uno così? Con la stanchezza della ripresa.

Gaetano 48’ st sv

Un attimo e via.

Lobotka 7

La presenza di Pasalic diventa un’ombra solo per spiccioli di partita, il tempo necessario per scivolare in basso, poi alzarsi, poi palleggiare, poi difendere. Altro non si può.

Zielinski 6,5

L’assist è da piedi buoni, una finta da ohhh e quella dolcezza che intenerisce quando accarezza il pallone. Per poco non crea un pasticcio, in avvio ripresa, quando comincia a boccheggiare. Trecento in azzurro, niente male.

Ndombele (19’ st) 6

Portategli via il pallone, se ci riuscite.

Lozano 6

Le scelte, alla fine, le sbaglia, ma non rinuncia ad uno scatto neanche sotto tortura.

Politano (19’ st) 6

Dà slancio, tiene la fascia.

Osimhen 7,5

Appartiene ad una galassia sconosciuta: il gol di stacco è un terzo tempo monumentale, lo strappo per aprire ad Elmas è devastante. E così si fa perdonare il rigore.

Simeone (30’ st) 6

Ha la palla per chiuderla definitivamente e, strano per lui, sbaglia di millimetri.

Elmas 7

La sorpresa non è vederlo in campo ma osservare come lasci sfilare il traversone di Osi, come faccia “sedere” Hateboer, come si inventi una mossa alla Kvara.

Zerbin (48’ st) sv

Per guadagnare tempo.

Precedente Se Grosso esalta il lavoro di Balata Successivo Diretta Juventus-Inter ore 20.45: dove vederla in tv, in streaming e probabili formazioni

Lascia un commento