Atalanta: Malinovskyi torna a trascinare la Dea, insieme a Muriel e Pasalic

L’ucraino sarà al centro della ricostruzione, merita la riconferma, ma occhio alla diffida…

L’Atalanta prova, in extremis, a qualificarsi in Europa dopo una stagione a dir poco altalenante, condita dai tanti infortuni degli uomini chiave e dalle prestazioni degli stessi al di sotto delle aspettative. La Dea è trascinata, nelle ultime gare, dalla ‘vecchia guardia’: oltre a Muriel e Pasalic, si sta rimettendo in luce Ruslan Malinovskyi, ‘tuttocampista’ ucraino che ha vissuto un’annata complicata.

DUE ASSIST ILLUMINANTI

—  

Nelle ultime due gare di campionato Malinovskyi (22 milioni) ha fornito due assist stupendi. Lunedì scorso, una sua imbucata straordinaria ha consentito alla squadra di guadagnare un punto sulla Salernitana (Pasalic ringrazia). Domenica ha servito Muriel che è stato letale sotto porta e ha sbloccato la gara del ‘Picco’. Due sprazzi di talento purissimo che, anzi, fanno venire il rammarico per quello che poteva essere e, poi, non è stato. Rispetto allo scorso campionato, infatti, il rendimento dell’ex Genk è clamorosamente diminuito: dagli otto centri e dodici assist della passata stagione si è passati ai sei gol e quattro assist di quella attuale. I motivi di questo calo sono da ricercare innanzitutto alla fragilità fisica mostrata (cinque gare saltate per indisponibilità fisica, una per squalifica e una per scelta tecnica, ndr) e, dunque, ad una continuità di impiego/minutaggio che non è mai stata quella ideale, come avvenuto lo scorso anno dove ha saltato due gare solamente per Coronavirus a novembre.

E IL FUTURO?

—  

Si profuma aria di rivoluzione in casa Dea, ma il posto di Malinovskyi non è messo in discussione: anzi, dovrebbe essere uno dei calciatori su cui ripartirà il progetto nerazzurro. Quindi se lo avete in rosa e giocate con le conferme tenetevelo stretto perché chiaramente il potenziale del forte calciatore orobico non è quello mostrato in questo attuale campionato, ma è un giocatore in grado di arrivare con facilità alla doppia doppia (gol e assist, ndr). Per ciò che riguarda l’immediato futuro, occhio anche al pericolo ‘squalifica’: il fantasista ucraino, infatti, è diffidato e, con un giallo, perderebbe l’ultima sfida di campionato contro l’Empoli. Sarebbe l’ulteriore beffa di un’annata da dimenticare per chi ha scelto di puntare su di lui sin dall’inizio magari spendendo gran parte del proprio budget.

Precedente Quando l'arbitro diventa eroe: massaggio cardiaco salva la vita a un portiere 20enne Successivo Primavera, una brutta Juve perde 2-0 a Cagliari

Lascia un commento