Atalanta, Gasp 2025 festeggia alla grande. E il Gewiss diventa Fort Atalanta

Ogni volta che l’Atalanta incontra il Genoa, per Gasperini si gioca sempre la partita del cuore. Non potrebbe essere altrimenti, rammentando le 297 partite sulla panchina del Grifone che Gian Piero portò dalla B alla qualificazione europea. L’incontro di Bergamo si è disputato all’indomani del prolungamento contrattuale sino al 2025, che legherà l’allenatore piemontese alla Dea per nove stagioni consecutive, collocandolo al secondo posto dietro a Trapattoni nella classifica italiana della fedeltà alla stessa squadra e, in Europa, eguagliando Guardiola, al City dal 2016 e al City legato sino al 2025 (i capolisti sono Diego Pablo Simeone con l’Atletico e Christian Streich con il Friburgo, entrambi in carica dal 2011).

Atalanta, al Gewiss da marcia scudetto

Gasperini non poteva festeggiare nel modo migliore il riconoscimento professionale e personale tributatogli da Antonio e Luca Percassi, Stephen Pagliuca, tutti e tre comprensibilmente felici in tribuna dopo il quarto successo casalingo inanellato dai nerazzurri fra campionato ed Europa League. Il bilancio atalantino al Gewiss è da marcia scudetto: 4 vittorie, 1 pareggio, 9 gol segnati, 0 subiti. Lo Stadium è diventato Fort Atalanta, i gol di Lookman ed Ederson che ha già segnato il triplo rispetto alla prima stagione bergamasca, hanno sigillato una vittoria molto preziosa. Nel finale, sull’1-0, Carnesecchi ha evitato il pareggio di Puscas con una parata degna della sua giovane fama, a conferma di quanto l’alternanza con Musso giovi a entrambi. Anche il Genoa ha un portiere sugli scudi: Leali ha negato almeno tre volte il gol agli avversari e, in una circostanza, il guizzo di Scalvini è stato respinto dal palo.

Lookman-Ederson, l'Atalanta riparte vincendo: Genoa battuto

Guarda la gallery

Lookman-Ederson, l’Atalanta riparte vincendo: Genoa battuto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Atalanta, Gasperini: "Vittoria meritata, tutto in discesa dopo il vantaggio" Successivo Petardo esplode in campo, Juankar ferito: Maresca sospende il derby Olympiacos-Panathinaikos