Arsenal-Porto, Arteta e Conceicao accendono la sfida: “Sappiamo cosa fare”

Arsenal-Porto, scatta il contro alla rovescia. Domani, 12 marzo, alle 21 appuntamento all’Emirates Stadium per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Si ripartirà dall’1-0 in favore dei portoghesi nella gara di andata. La vigilia nelle parole dei tecnici.

Arteta: “L’Arsenal deve avere il coraggio di far accadere le cose”

Arteta chiama a raccolta i tifosi dei Gunners: “Penso che l’impatto che potranno avere domani sia incredibile. Abbiamo bisogno di quel rumore e di loro che giochino ogni singolo pallone con noi. Abbiamo bisogno anche di quel controllo emotivo per capire che la partita può attraversare determinate fasi e dobbiamo essere davvero intelligenti per spingere nei momenti giusti per ottenere ciò che vogliamo. È una bellissima opportunità per vivere queste notti. Vogliamo andare fuori e giocare! Questa è la sensazione che abbiamo. Far parte di questo club e divertirsi a prendere parte a questo tipo di partite è una gioia. Domani sarà una serata fantastica”.

Arteta sul Porto: “Ogni settimana, ogni avversario ha i suoi punti di forza e di debolezza, il modo in cui affronta la partita. Ora li conosciamo un po’ meglio. Abbiamo giocato tante volte partite di questo tipo in Premier League, ne abbiamo giocata una due giorni fa. Ci concentreremo semplicemente sull’essere noi stessi e faremo più cose che possiamo controllare meglio di quanto abbiamo fatto qualche settimana fa. Dobbiamo essere coraggiosi, avere il coraggio di far accadere le cose. Non puoi aspettare in queste situazioni, devi andare e far accadere le cose e questo sarà l’approccio di domani”.

Conceicao: “Il Porto più pericoloso all’andata, vogliamo confermarci”

Sergio Conceicao, ha replicato: “I giocatori devono essere contenti di quello che hanno fatto all’andata. C’è stato poco tempo per lavorare, ma lo abbiamo fatto con molta determinazione. All’andata la squadra ha capito perfettamente gli spazi in cui doveva entrare per condizionare gli avversari e anche quello che dovevamo fare in attacco per fargli male. È stata una bella partita, una partita di Champions League. I nostri avversari avevano più palla, ma il Porto è stato sempre più pericoloso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Lazio-Udinese 1-2: Lucca e Zagarra espugnano l'Olimpico, rivivi la diretta Successivo Le partite di oggi: il programma di martedì 12 marzo