Arsenal ok a Zurigo, Fener festa nel recupero. Betis senza problemi in Finlandia

In Svizzera decide Nketiah, Batshuayi al 92′ per la vittoria dei turchi sulla Dinamo Kiev. Gli spagnoli superano 2-0 l’HJK Helsinki e raggiungono il Ludogorets al primo posto. Pari fra Psv e Bodo Glimt

Gregorio Spigno

8 settembre – Milano

Primi anticipi della prima giornata di Europa League, prime sorprese di quella che sarà una competizione che regalerà emozioni e risultati ben poco scontati fino – e ben oltre – il 90’. All’esordio europeo non stecca l’Arsenal, vincente sul campo dello Zurigo, mentre il Fenerbahce passa con brivido nel recupero. Ottima gara del Betis, bene il Braga, non smette di stupire il Bodo-Glimt.

AEK LARNACA-RENNES 1-2

—  

Partono bene gli ospiti, che sbloccano il punteggio poco prima della mezz’ora con una vecchia (ma nemmeno troppo vecchia) conoscenza del nostro campionato: al 29’ è l’ex Bologna Athur Theate – venduto la scorsa sessione di calciomercato per circa 20 milioni – a sbloccare il punteggio con un gran tiro dalla distanza che supera il portiere Piric. Il vantaggio francese, però, dura ben poco, perché 4’ più tardi è lo spagnolo Oier a ristabilire l’equilibrio con un colpo di testa su cui il portiere Mandanda non risponde perfettamente. La seconda frazione non regala particolari occasioni, con entrambe le due squadre in versione più difensiva che offensiva, ma al 95’ c’è spazio per l’ultima, decisiva emozione: Sulemana scappa via sull’esterno e mette il pallone in mezzo, arriva Assignon che, di tacco, trova un gol senza senso e chiude i conti.

FENERBAHCE-DINAMO KYEV 2-1

—  

All’ultimo respiro, il Fenerbahce passa. Al 92’ la decide l’ultimo arrivato Batshuayi: cross dentro, nessuna tocca e il pallone finisce sui piedi dell’ex Chelsea che spara in porta e regala la vittoria ai padroni di casa. In avvio il protagonista è l’ex Cagliari Joao Pedro, che però non sfrutta una grande occasione alla mezz’ora. Poco più tardi il gol arriva ugualmente: calcio d’angolo battuto da Rossi e colpo di testa di Gustavo Henrique che firma l’1-0. Il pari ospite arriva al 64’ con un sinistro magnifico di Tsygankov, ma a vanificarlo ci pensa – appunto – Batshuayi.

HELSINKI-REAL BETIS 0-2

—  

Ritmi alti, palle gol, partita godibile: a Helsinki il Betis del tecnico Pellegrini vince convincendo e giocando un ottimo calcio. Dopo la traversa di William Carvalho, il 10 di casa Boujellab macchia la sua gara concedendo un rigore agli spagnoli: sul dischetto va Willian Jose, bravo a spiazzare il portiere Hazard per lo 0-1. Girandola di cambi ad inizio ripresa nel Betis ma risultato uguale: ancora Willian Jose in gol (dopo un clamoroso flipper all’interno dell’area di rigore finlandese) e raddoppio bianco-verde. L’Helsinki ci prova, ed effettivamente accorcia 3’ più tardi con gol di Aboubakari, ma il VAR rileva una posizione di offside e annulla. Qui comincia la gestione spagnola, che conduce fino al 90’.

MALMOE-BRAGA 0-2

—  

In Svezia è monologo portoghese. Occasioni sbagliate, ottime trame, traverse colpite, gol annullati (due) e gol regolari (altri due), regalano allo Sporting Braga la vittoria. La prima occasione per gli ospiti arriva al 24’, con una traversa clamorosa colpita da Vitinha su colpo di testa. Poco più tardi, però, Bruno Rodrigues sblocca: corner in area Malmo, colpo di tacco del difensore portoghese e gol. La ripresa si apre con lo stesso copione della prima frazione: 47’ e raddoppio di Vitinha, che però viene annullato dal VAR per fuorigioco. A chiudere i conti è un rigore trasformato da Horta al 70’.

PSV-BODO GLIMT 1-1

—  

Continua a sorprendere il Bodo, dopo l’eliminazione last-minute ai preliminari di Champions per mano della Dinamo Zagabria. All’esordio in Europa League i norvegesi non sfigurano affatto, anzi. In un campo ostico come quello del Psv sbloccano il punteggio allo scadere del primo tempo, con un golasso di Gronbaek: conduce palla, entra in area, si prepara al tiro e con un destro a giro la manda alle spalle di Benitez. Il Psv, però, rientra in campo nella ripresa con piglio diverso, e al 63’ trova il pari con Gakpo. 1-1 il finale.

UNION BERLINO-ROYALE UNION SG 0-1

—  

Ritmi blandi, poche occasioni da gol, pochi spunti. A Berlino la partita non regala particolari emozioni, prima della sorpresa. Al 39’ la squadra belga – sulla carta ampiamente sfavorita – trova il vantaggio dopo una ripartenza fulminea, a cui l’Union non riesce a opporsi: Boniface recupera il pallone, conduce e serve Lynch che, ritrovandosi completamente solo davanti a Ronnow, non può sbagliare. La gara, poi, non regala altre emozioni e a conquistare i primi tre punti europei sono gli ospiti.

ZURIGO-ARSENAL 1-2

—  

Alla prima presenza assoluta con la maglia dei Gunners, il classe 2003 Marquinhos si rende subito decisivo. È proprio il brasiliano ex San Paolo a portare in vantaggio gli inglesi, al 16’, al termine di un contropiede perfetto condotto dagli uomini di Arteta. L’Arsenal, dopo esser passato in vantaggio, prova a gestire il possesso del pallone ma allo scadere della prima frazione subisce il pari da calcio di rigore: è il difensore centrale Kryeziu ad incaricarsi di calciare, spiazzando Turner (anche lui al debutto). Appresa la notizia della morte della Regina Elisabetta negli spogliatoi, il secondo tempo si apre con un minuto di silenzio in mezzo al campo per le due squadre. Poi il protagonista torna Marquinhos, che regala a Nketiah l’assist per l’1-2. E i tre punti all’Arsenal.

Precedente LIVE TMW - Fiorentina, Italiano: "Fischi del Franchi di frustrazione, ci rifaremo la prossima" Successivo LIVE Lazio-Feyenoord 2-0: apre Luis Alberto, raddoppia Felipe Anderson!

Lascia un commento