Arabia Saudita e Giappone hanno un gioco: vietato chiamarle sorprese

Le due asiatiche portano a casa lo scalpo di Argentina e Giappone, ma la fortuna c’entra poco o niente

È crollata l’Argentina contro l’Arabia Saudita, è crollata la Germania contro il Giappone: corazzate finite a picco di fronte ad avversari che sicuramente non erano allo stesso livello tecnico. Però è accaduto, e questo deve essere un motivo di riflessione. La prima che mi viene in mente è questa: al Mondiale le partite sono tutte battaglie, i giocatori tirano fuori anche le energie che non hanno perché sanno di avere dietro un’intera nazione.

Precedente Napoli: da Lobotka a Rrahmani e Di Lorenzo, la situazione dei rinnovi Successivo Juventus, due obiettivi per le corsie esterne. Tuttosport: "Gli occhi su Singo e Maehle"

Lascia un commento