Antitrust, nessuna misura contro Sky dopo il ricorso Tim

ROMA – Non ci sarà alcuna misura cautelare da applicare nei confronti di Sky per la sua campagna pubblicitaria sul Pacchetto Calcio e sulla Serie A. Come riporta Il Sole 24 Ore che spiega appunto che non ci saranno misure cautelari in attesa del giudizio di merito nel procedimento avviato su segnalazione di Tim che ha contestato a Sky una “condotta informativa ingannevole” nella sua campagna per gli abbonati Sky Calcio.

Il tasto su cui Sky ha battuto (contestato da Tim) riguardava «l’incertezza sui diritti 2021-24» della Serie A alla base di iniziative come l’azzeramento del costo del “Pacchetto Calcio” fra il 1° luglio e il 30 settembre. Nelle sue memorie Sky ha supportato la propria tesi con l’incertezza, definita valida almeno fino all’assegnazione del pacchetto 2 (proprio a Sky).

Nelle sue valutazioni l’Agcm ha innanzitutto segnalato che quei primi messaggi sono stati rimossi, e in secondo luogo ha riconosciuto che, una volta accertata la situazione sui diritti, Sky ha inviato ulteriori precisazioni così come nelle prossime settimane invierà ai clienti i messaggi di uscita gratuita con una chiara descrizione del cambiamento rispetto alle partite di Serie A.

L’Authority ha riconosciuto inoltre che Sky concederà ai clienti il diritto di downgrade dal Pacchetto Calcio fino al 31 dicembre, senza perdere (o dover rimborsare) gli sconti sugli altri pacchetti condizionati alla sua attivazione. Tutto questo «fa venir meno il potenziale condizionamento per l’utente di mantenere il pacchetto, anche nel caso in cui la configurazione non sia più di suo gradimento».

Precedente Calciomercato Venezia, per Tessmann contratto di 4 anni Successivo Saka risponde agli insulti: "Il vostro odio non mi spezzerà"

Lascia un commento