Antitrust, concluse le istruttorie su Brescia e Lecce

ROMA – Conclusi due procedimenti istruttori dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nei confronti di Brescia Calcio S.p.A. e Unione Sportiva Lecce S.p.A.. L’Autorità ha accertato la presenza di clausole vessatorie che che non riconoscono il diritto dei consumatori a ottenere il rimborso di quota parte dell’abbonamento in caso di chiusura dello stadio o di parte dello stesso; in secondo luogo non riconoscono il diritto dei consumatori a essere risarciti del danno qualora questi eventi siano direttamente imputabili alla società e in terzo luogo attribuiscono al professionista la facoltà di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali e derogano al foro del consumatore.

Le mosse dei club

La società di Massimo Cellino ha predisposto una nuova formulazione delle condizioni contrattuali idonea a risolvere i profili di vessatorietà contestati. L’Unione Sportiva Lecce, invece, ha predisposto una nuova formulazione delle clausole idonea a risolvere i profili di vessatorietà contestati limitatamente alla disciplina delle modifiche unilaterali del contratto e del foro del consumatore. L’Antitrust ha disposto che venga pubblicato un estratto dei provvedimenti sulla homepage dei siti web delle due Società per 30 giorni consecutivi. 

Precedente Di Francesco furioso con il giornalista: “Io a rischio esonero? Che domanda del c…” VIDEO YOUTUBE Successivo I Friedkin sbarcano a Roma: "Contenti per la vittoria". Ryan con la New Balance

Lascia un commento