Anguissa contro Kessie: Napoli-Milan, è sfida anche all’equatore

Martedì Camerun-Costa d’Avorio è uno spareggio per arrivare ai playoff delle qualificazioni africane. E i due centrocampisti esportano il duello scudetto tra le capolista della Serie A

Napoli-Milan all’equatore. Il testa a testa tra le capolista della Serie A prosegue a oltre 4500 km di distanza, in quel di Douala, capitale economica del Camerun, dove martedì alle ore 20 i Leoni Indomabili di André Frank Zambo Anguissa sfideranno nel nuovissimo impianto di Japoma, allestito in vista della Coppa d’Africa del prossimo gennaio, gli Elefanti di Franck Kessie. Camerun-Costa d’Avorio è di fatto uno spareggio secco per passare il turno e qualificarsi ai playoff, dove le dieci vincenti della fase a gironi si affronteranno per i 5 posti a disposizione del continente africano per i Mondiali di Qatar 2022.

Due su tre

—  

La Costa d’Avorio è reduce dalla larga vittoria sul Mozambico, un 3-0 firmato da Gradel, Cornet e Seri. Buona la prova del rossonero Kessie, rimasto in campo 77’ prima di essere sostituito da Serey Dié. A Johannesburg invece, in campo neutro, il Camerun ha dominato 4-0 il Malawi, imponendosi grazie al rigore di capitano Aboubakar (con espulsione di Banda per aver fermato la palla sulla linea con la mano) e al raddoppio proprio di Anguissa. Un gran gol quello del napoletano, che ha raccolto dal vertice dell’area un corner, alzando la palla e poi spendendola al volo nell’angolo basso alla destra del portiere. Nel finale poi la doppietta di Bassogog, entrato al 68’. In classifica gli ivoriani comandano con 13 punti, uno in più dei camerunesi, sconfitti all’andata 2-1 e ora costretti a vincere a Douala per passare il turno, mentre alla squadra del c.t. Patrice Beaumelle anche un pari può bastare.

duello

—  

Quello di Douala sarà uno scontro diretto anche tra Anguissa e Kessie, visto che entrambi ricoprono lo stesso ruolo di centrocampisti. Il rossonero non sta attraversando un momento di grande brillantezza, in questo avvio di stagione si è distinto più che altro per gli errori, vedi l’ingenua espulsione contro l’Atletico Madrid che ha di fatto compromesso il cammino del Milan in Champions, il fallo da rigore nel derby e il gol a porta vuota fallito nel finale della stessa partita della scorsa domenica. Il camerunese invece, arrivato in estate dal Fulham, retrocesso in Championship dalla Premier, è una delle rivelazioni di questo avvio di stagione del Napoli. I due peraltro potrebbe ritrovarsi nuovamente avversari, sempre in Camerun, a gennaio nella Coppa d’Africa, anche se non sono inseriti nello stesso girone. Probabile che entrambe le nazionali, essendo tra le favorite, si incontrino però strada facendo. E allora sarà un altro Napoli-Milan all’equatore.

Precedente Zaniolo, ginocchia nemiche: la sorella, ballerina, si rompe il menisco Successivo Inter: De Vrij salta Napoli e Shakhtar. Bastoni e Dzeko possono recuperare

Lascia un commento