Andreazzoli: “Vittoria da Empoli. Dobbiamo salvarci, c’è voglia di mettersi in gioco”

L’Empoli vince… anche in casa.

L’Empoli vince… anche in casa. La squadra di Andreazzoli gioca a viso aperto contro il Bologna e porta a casa tre punti preziosissimi figli del bel gioco ma anche del carattere. I toscani sono stati prima raggiunti sull’1-1 e poi avvicinati ma non hanno mai speculato sul risultato. La prima preziosissima, affermazione interna è sofferta ma meritata, contro un Bologna capace di tornare in partita e renderla viva sino al gol di Ricci, ennesimo gioiello prodotto in casa toscana. Una delle tante scelte azzeccate dal tecnico, che si gode una vittoria meritata ai microfoni di DAZN.

CARATTERE – Non solo gioco, ma anche carattere. L’Empoli mette in mostra talenti e attributi: e la sfida con il Bologna, oltre ai punti lascia in eredità la sensazione di avere una squadra che si sta costruendo una identità precisa.  “Una vittoria estremamente importante, soprattutto per i punti. Si gioca per la classifica, poi si valuta anche cosa si riesce a fare. Abbiamo giocato tre partite in una settimana, temevo parecchio il Bologna e riuscire a giocare in questa maniera ci dà soddisfazione. Le parole se non sono supportate dai risultati rimangono tali. Così invece si cresce”.

PROSPETTIVE – Nove punti in sei partite. Empoli a ridosso delle grandi. Niente male, ma gli esempi, anche recenti, di clamorosi tracolli non mancano. Fondamentale restare con i piedi per terra. “Nel costruire questa squadra, abbiamo cercato calciatori duttili, una condizione che a me piace molto. Se avessi la possibilità sceglierei esattamente i giocatori che ho. Mettono insieme corsa, sacrificio, volontà e desiderio di migliorare. Restano ragazzi giovani e inesperti, ogni tanto paghiamo lo scotto ma non dobbiamo preoccuparci quando succede. La strada e gli obiettivi sono chiari, anche se dovessimo trovare qualche buca nel nostro percorso. L’Empoli deve salvarsi, prima di tutto, e poi valorizzare i giovani”.

Precedente Lazio, Sarri: "Vivo un grande momento. Alla Juve rinunciato alle idee"" Successivo Bologna, Mihajlovic: "Il primo colpevole sono io. Ci è mancato l'atteggiamento"

Lascia un commento