Anche Delio Rossi e Calori in corsa per la panchina dell’Ascoli. E c’è Dionigi sotto contratto

Ascoli inchiodato in fondo alla classifica e Bertotto al capolinea. E’ una certezza dopo il pareggio in 9 contro undici ottenuto dal tecnico torinese ormai a un passo dall’esonero. Le parole del patron Pulcinelli, in tribuna al “Del Duca” con dg Ducci per la gara con l’Entella, non lasciano scampo all’allenatore che con 5 punti conquistati ha l’ultimo rendimento nella storia del club. Mai i bianconeri avevano fatto peggio nelle loro prime sette partite di serie B. Il precedente record negativo erano i 6 punti (una vittoria, tre pari e tre ko) del 1994/95. Lo scorso anno l’Ascoli era già a quota 12, con 4 vittorie e 3 ko, senza pareggi. Di fatto, manca solo il nome del suo successore. “Decideremo a ore, ma l’esonero è molto probabile, si tratta di un epilogo inevitabile” le parole dell’imprenditore romano.I bianconeri si sono salvati solo grazie ad una colossale papera del portiere Borra dell’Entella. Altrimenti per l’Ascoli sarebbe stata la quinta sconfitta su otto partite. L’Ascoli ha anche il secondo peggiore attacco della cadetteria: 4 gol di cui uno solo firmato da un attaccante (Baijc). E non aver ingaggiato un sostituto di Scamacca si sta rivelando il vero problema della squadra. Per la sostituzione di Bertotto si sono fatti i nomi di Delio Rossi e di Alessandro Calori, quest’ultimo già in passato accostato alla panchina bianconera. Per ingaggiare il primo, tuttavia, bisognerebbe superare il problema insormontabile dell’ingaggio. Più facile che si punti su una soluzione diversa, con l’ex tecnico di Padova, Brescia e Trapani da valutare o qualche outsider. Senza dimenticare che Davide Dionigi è ancora sotto contratto. Oggi l’ufficializzazione dell’esonero e la scelta del nuovo allenatore.

Precedente Bonera elogia il Milan: "Scudetto? Vedremo a maggio". Su Ibra: "Attendiamo gli esami" Successivo Samp-Bologna, le pagelle: Quagliarella 5, ma Regini fa peggio. Carattere Schouten, 7

Lascia un commento