Ambra Angiolini: “Io e Max vaccinati ma minacciati di morte! Ho avuto il Covid e…”

Le parole dell’attrice: “Mi hanno insultato con ferocia inaudita, fino ad augurare la morte. Io e mia figlia abbiamo avuto il Covid, sono stata male anche dopo”

Marco

6 settembre

Ambra Angiolini, compagna di Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, ha concesso un’intervista a Repubblica in occasione del debutto del suo nuovo programma radiofonico. Queste le sue parole: “La radio mi piace tantissimo, ma i sogni spesso si realizzano dopo. Ho fatto la corte a Linus per molto tempo, oddio in tempi di #MeToo si potrà dire?, sintetizzo così il fatto che ho tanto insistito. Lui mi rispondeva: “Sei sicura di avere tempo?”. Sicurissima””.

Perché la radio?

“La radio mi ha salvato la vita in un periodo difficile. In tv non mi volevano più e mi proposero di lavorare a Radio 2, si è acceso il cervello. Mi ha salvato la testa, mi sono sentita libera, ho lavorato sui testi. L’idea di migliorare e essere credibile è stato importante. Poi la radio mi ha tolto “la facciona”, la faccia sparisce”.

A chi si rivolge?

“Ai normodotati, come credo di essere io. La normalità è sottovalutata. In questo periodo si alza l’asticella: se non c’è il sangue non ci piace. Vorrei coinvolgere gente normale che sappia fare tutto, lo chiamo “il delirio dei fantasisti”, mi farò erudire. Mi rivolgo a chi coltiva la curiosità, sarò anche infantile, tirerò fuori l’adolescente. Al cinema amo i ruoli che sfidano la gravità, il tempo e la ciccia, in radio e in tv resto ragazzina”.

Suona come una minaccia.

“Penso che la prima puntata sarà un delirio, è difficile capire subito il mood. La radio ti regala il tempo di far funzionare le cose, è il trionfo della body neutrality, ti viene richiesto quello che non vediamo. Dalla voce puoi capire se una persona sta bene o sta male, ascoltare e sentire sono due verbi che hanno a che fare con la bellezza. Non ho gli addominali, spero di avere la tartaruga nel cervello”.

Emozionata di tornare alla Mostra di Venezia?

“Quando Ferzan ha deciso che, dopo tanti anni, potevo tornare a suonare attraverso le sue mani, mi sono fatta arpa per lui. È da quando ho fatto la madrina che non torno a Venezia, o hai un motivo o niente. Sono emozionata, sì, e vorrei che il vestito lo indossasse il motivo, non io. Spero anche che al motivo stia benissimo, ho una certa ansia. Ma ho Ferzan che è il migliore dei vestiti, anche se tremerò”.

Ha promosso la campagna per il vaccino: com’è andata?

“Mi hanno insultato con ferocia inaudita, fino ad augurare la morte. Io e mia figlia abbiamo avuto il Covid, sono stata male anche dopo. Siamo tutti vaccinati, la famiglia, Max (Allegri, ndr), tutti. È troppo importante, spero che lo capiscano”.

Precedente Roma, Mourinho lascia l’hotel per Palazzo Taverna: la moglie segue i lavori, lui... Successivo Udinese, Micin saluta e va in prestito in Slovacchia

Lascia un commento