Allegri via dalla Juve subito: non è impossibile. Come cambia lo scenario

TORINO – Che il partito dei No-Max registri una impennata di iscritti è piuttosto fisiologico, visto che la Juventus allegriana nelle ultime nove partite ha incassato la miseria di sette punti. Nonostante tutto è meno naturale vedere ora il margine sulla quinta così risicato rispetto al pre-crisi, quando il vantaggio su chi stava fuori dalla prossima Champions era arrivato a toccare addirittura i 17 punti. Vecchi ricordi, visto che nel frattempo la Juventus è scesa dal 2° al 3° posto e il Bologna di Thiago Motta è salito al quarto, ad appena due lunghezze dai bianconeri (che peraltro dovranno andare a giocare al Dall’Ara alla penultima di campionato).

La Roma, invece, che ha ingranato con l’arrivo di De Rossi, è quinta, a 7 punti di distanza dai torinesi dopo il pareggio di Lecce e ospiterà i bianconeri alla quartultima di campionato. Ma in realtà l’Atalanta ha una partita in meno per cui il gap sulla quinta, qualora i bergamaschi vincessero il recupero con la Fiorentina, sarebbe di soli sei punti. Insomma, manco il potenziale allargamento a cinque italiane in Champions, col bonus del ranking, può lasciare sonni tranquilli alla Continassa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Bologna, così lontani così vicini Successivo Lazio, tra Juve e Roma i tifosi ci sono: tutti i numeri

Lascia un commento