Allegri: “Pensavo la Lazio facesse l’80% di possesso palla”

ROMA – “La squadra ha fatto una bella partita, ma troppe occasioni per far gol non l’abbiamo sfruttate. C’è da migliorare. A due minuti dalla fine, teniamo la palla e facciamo un tacco. Kulusevski deve andare sulla bandierina e fa un dribbling. Le partite vanno giocate fino all’ultimo. Fa parte della crescita, dell’esperienza, della gestione dei momenti della partita“. Sono le parole di Massimiliano Allegri, ai microfoni di Dazn, dopo la vittoria della Juve in casa della Lazio.  Il tecnico dei bianconeri ha spiegato: “La squadra non ha concesso occasioni a parte un colpo di testa. Ha fatto una buona partita contro un’ottima Lazio. Ha gestito bene la palla, ma abbiamo perso palloni di troppo per scelte sbagliate. Non era semplice, le squadre di Sarri sono brave nel palleggio. Ma siamo stati pazienti in costruzione e veloci quando abbiamo conquistato palla“.

Lazio-Juventus 0-2: curiosità e statistiche

Allegri dopo il successo contro la Lazio

Corto muso o sarrismo? Io mi diverto, quando lo capirete sarà tardi. Volete questo? Io vi racconto le cose al contrario di ciò che penso. Era Juve-Lazio, non Allegri contro Sarri. A chi non piace giocare? Poi ci sono anche gli avversari. Il calcio è anche strategia. C’è da fare contropiede, difendere, la partita non è scritta su un protocollo. Voi la volete così? Io vi accontento. Pensavo che la Lazio tenesse la palla per 70/80% e abbiamo tenuto il 46% noi. Lì siamo migliorati” ha spiegato Allegri.  Poi, ha aggiunto: “Rabiot, Pellegrini e McKennie hanno fatto bene. Rabiot ha limitato tanto Milinkovic. Pure De Ligt è stato bravo di testa su Milinkovic. Le azioni pericolose loro sono scaturite da nostri errori nell’area avversaria. Qui bisogna migliorare. I ragazzi hanno fatto veramente bene, mi sono piaciuti nella gestione della palla“. 

Su Dybala e Kulusevki

Su Dybala e Kulusevski: “Dove metto Dybala? In questo momento non ce l’abbiamo, quando tornerà a disposizione, spero presto, vedremo. Abbiamo tante partite. Lui gioca sul centro-destra, difficilmente si sposta a sinistra. Con lui ci vuole un mediano con più copertura. Ha tecnica e ha tanta forza nelle gambe. L’importante è che stia bene. Kulusevski ha fatto una buona partita, non era semplice, deve essere più decisivo dentro l’area“.

Juve, festa all’Olimpico: Bonucci regala i tre punti

Guarda la gallery

Juve, festa all’Olimpico: Bonucci regala i tre punti

Precedente Primavera, l'Empoli agguanta il secondo posto: 2-0 alla Fiorentina Successivo Bonucci e il rigore con la Svizzera: "Se Jorginho me lo avesse chiesto..."

Lascia un commento