Allegri: “Juve troppo frenetica. Ci è andata bene…”

Massimiliano Allegri ha commentato ai microfoni di Dazn il quinto pareggio consecutivo in campionato, maturato all’Allianz Stadium contro la Salernitana grazie ai gol di Pierozzi (27′) e Rabiot (91′), anche se allo scadere i bianconeri hanno rischiato di perdere per un’azione subita in ripartenza dalla squadra di Colantuono.

Juve, Allegri “Brutto primo tempo”

Questa, infatti, l’analisi del tecnico bianconero: “E’ stato un brutto primo tempo, anche se eravamo partiti discretamente bene. Poi ci siamo disuniti perché non abbiamo tenuto più le posizioni e infatti abbiamo preso un gol su palla inattiva, anche se sapevamo che la Salernitana poteva essere pericolosa. Nel secondo tempo c’è stata una bella reazione, ma bisognava essere più precisi e non lo siamo stati”.

“Bastava avere più pazienza, nel finale…”

“Nel primo tempo – ha proseguito Allegri – bastava avere la pazienza di girare la palla senza forzare il tiro. Alla fine è successo la stessa roba di Roma, al 95′ non potevi perdere una partita del genere altrimenti rischiavi non rialzarti più. Ci è andata bene a Roma, ci è andata bene stasera”.

“Nel calcio non bisogna essere frenetici”

Infine, sull’atteggiamento della squadra: “Nel calcio non bisogna essere frenetici, bisogna essere veloci. I primi minuti sono state come a Roma e non abbiamo sfruttate occasioni per scelte sbalgiate nell’ultimo passaggio. Poi l’ho detto tante volte, per noi è importante mercoledì (finale di Coppa Italia, ndr) . Sono diventate partite pesanti da Juventus, anche contro l’ultima in classifica diventa complicata. Bastava non prendere un gol e farlo quando potevamo. Sono tutte cose da frenesia: vedi l’obiettivo, vorresti prenderlo e non ci riesci. In questi momenti serve molta serenità e concentrazione, non c’è tanto da parlare e prepararsi al meglio. Quando la partita diventa pesante anche le grandissime squadre hanno momenti di difficoltà, poi ci siamo riassestati e su questo la squadra deve crescere. Futuro? Sii paziente…”


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Bundesliga, Leverkusen inarrestabile: 5-0 al Bochum. A segno Schick Successivo Rabiot, la crisi e il futuro Juve: "Sono orgoglioso ma ci sono cose da dire"

Lascia un commento