Allegri: “Il nostro mercato è il lavoro. Acerbi? Io non guardo in casa d’altri…”

L’allenatore bianconero dopo la Roma: “Importante allungare sulle concorrenti per la Champions. Abbiamo tanti giovani bravi che stanno crescendo velocemente, presto vedrete anche Nonge”

Giuseppe Nigro

30 dicembre – 23:28 – MILANO

“Una bella partita, giocare contro la Roma non è mai semplice e con José è ancora più complicato”. La soddisfazione di Massimiliano Allegri dopo il successo contro la Roma va oltre il risultato e punta alla prestazione: “Nel primo tempo abbiamo rischiato su due-tre palloni mesi dentro l’area da Dybala. La squadra è stata compatta e unita, il secondo tempo l’abbiamo approcciato bene e potevamo fare anche il secondo gol. È stato importante vincere perché allunghiamo su chi sta dietro, manca ancora una partita poi il 7 gennaio vedremo quanti punti saremo riusciti a fare nel girone di andata”.

forma e gioco

—  

“In questo momento stiamo anche discretamente bene fisicamente”, commenta il momento dei suoi Allegri al microfono di Dazn: “In questa partita abbiamo sviluppato anche buone geometrie di gioco, cominciando a usare un po’ di più tutto il campo. Dobbiamo ancora migliorare un po’ di diagonali di passaggi e uscite giuste. Ma soprattutto dopo i gol presi in modo facile con Genoa e Frosinone la squadra è tornata ad aver paura di prendere gol ed è normale che quando è così difende in modo più giusto”. 

vlahovic e inter

—  

“Stasera ha fatto una bella partita, come le ultime erano state buone – è il commento di Allegri della prova di Dusan Vlahovic -, in crescendo rispetto a quelle perché sta meglio fisicamente, l’abbiamo cercato abbastanza e potevamo farlo ancora di più. Ha anche giocato bene tecnicamente e può crescere ancora”. E dopo le dichiarazioni con cui Acerbi ha detto che la Juventus è la favorita per i soldi spesi negli ultimi mercati il tecnico bianconero dice: “Non commento le parole di Acerbi, l’Inter è davanti a noi di due punti, sta facendo una stagione straordinaria perché 45 punti sono tanti, sapendo che per noi è un percorso diverso dal loro, basta vedere la rosa che abbiamo a disposizione come età e siamo soddisfatti di quello che stiamo facendo, senza guardare in casa di altri”.

mercato e obiettivi

—  

A pochi giorni dall’apertura del mercato, Allegri non guarda a cosa può arrivare, anzi: “In questo momento la nostra rosa la possiamo migliorare solamente noi col lavoro che stiamo facendo, abbiamo giovani bravi che stanno crescendo velocemente: credo che al più presto potremo vedere anche Nonge, va un po’ ‘raddrizzato’ ma sa giocare molto bene a calcio”. E sulla previsione più vicina alla realizzazione, tra lo scudetto, la permanenza in panchina e la qualificazione in Champions, Allegri non ha dubbi: “La Juve torna in Champions League. Questa è una vittoria importante perché ci permette non solo di mantenere la Roma a distanza ma di allontanare anche le altre: 43 punti ci permettono di avere meno punti da fare per arrivare alla qualificazione aritmetica alla prossima Champions”.

Precedente Da Lautaro alla Juve, dal Napoli a Pioli: top e flop dell'andata Successivo Juve-Roma, le pagelle: Bremer gladiatore, 7. Lukaku non graffia: 5