Allegri e Mourinho, i pericoli dei playoff di Europa League: dal Barça a CR7

Juve e Roma, quante trappole. A Nyon Ten Hag e CR7 possono finire a Torino, Lewa come lo Sporting nella capitale

Il sorteggio di lunedì a Nyon per i playoff di febbraio di Europa League può rimandare a Torino un vecchio amico sempre affamato di gol e trofei: Cristiano Ronaldo da Funchal, Madeira. Ci ha provato fino alla fine a qualificarsi direttamente agli ottavi della seconda coppa europea. Ma al Manchester United di CR7 e di Erik Ten Hag non è bastato il successo a San Sebastian con gol del 18enne argentino Garnacho, perché, a pari punti e in parità negli scontri diretti, la Real Sociedad ha un gol in più nella differenza reti generale. E così Cristiano Ronaldo e lo United diventano nei playoff lo spauracchio numero uno per i club in arrivo dalla Champions (le terze dei gironi), in primis la sua ex Juventus. Che dovrebbe guardarsi da una squadra in crescita e tanto anche in Premier.

Precedente Roma-Ludogorets, le pagelle: Zaniolo (8) gigantesco. Pellegrini (7) glaciale Successivo La denuncia choc di Sarri: "I tifosi del Feyenoord ci hanno tirato buste di piscio"