Al via la Coppa d’Africa. Sono 17 i giocatori dalla serie A, il 65% gioca in Europa

Al via in Costa d’Avoiro la Coppa d’Africa (13 gennaio-11 febbraio), la più importante competizione calcistica che confronta le nazionali africane. Torneo biennale arrivato in 67 anni di storia a 34 edizioni non senza polemiche: questa Coppa, piazzata nel bel mezzo dell’inverno, disturba non poco i campionati europei che da anni foraggiano massicciamente la manifestazione con i propri giocatori. Inutili i tentativi per cambiare cadenza (non più ogni due anni) e calendario (non più in inverno). Niente da fare. I club europei si lamentano, la Uefa gira le lamentele alla Fifa la quale, non volendo perdere i 54 voti delle Federazioni a sud del Mediterraneo (voti indispensabili che la blindano a Zurigo) continua bellamente a fare spallucce. Finge di dimenticare la centralità dell’Europa nella Coppa africana.

Sono 410 i giocatori prestati dai club europei

Sono la maggioranza, su un totale di 630 iscritti. Cioè il 65%. E nel plotone continentale c’è di tutto: campioni e semplici gregari, titolarissimi o panchinari. Ognuno col suo valore specifico all’interno di una squadra che può abbandonare fino a sei settimane in piena stagione. Altro dato impressionante: “Tra i convocati quasi un giocatore su tre, in totale 186, è nato in Europa. Dunque i flussi migratori si vanno invertendo: i figli degli africani arrivati nel vecchio continente negli ultimi 40 o 50 anni rifanno al contrario la rotta seguita dai propri genitori, per vestire la maglia di un Paese che a volte iniziano a conoscere proprio giocando in nazionale” come scrive Filippo Maria Ricci.

Una Serie A col mal d’Africa

Sono 17 i giocatori di serie A nella Coppa delle Nazioni al via in Costa d’Avorio. Una decina i club di serieA che hanno prestato i loro giocatori. Cioè Napoli (Osimhen, Anguissa), Milan (Chukwueze, Bennacer), Roma (Aouar, Ndicka), Atalanta (Lookman), Fiorentina (Kouamè), Monza (Machin), Cagliari (Luvubo), Bologna (El Azzouzi), Salernitana (Cabral, Dia, Coulibaly), Lecce (Touba, Rafia, Banda).

Coppa d’Africa, i gironi

GIRONE A – Costa d’Avorio, Nigeria, Guinea Equatoriale, Guinea-Bissau.
GIRONE B – Egitto, Ghana, Capo Verde, Mozambico.
GIRONE C – Senegal, Camerun, Guinea, Gambia.
GIRONE D – Algeria, Burkina Faso, Mauritania, Angola.
GIRONE E – Tunisia, Mali, Sudafrica, Namibia.
GIRONE F – Marocco, Congo, Zambia, Tanzania.

Le 10 stelle da seguire

Franck Kessie (ex Milan), Tapsoba ( leader del Bayer Leverkusen), Ziyech (è la stella dei leoni dell’Atlante), Mahrez (è il faro dell’Algeria), Kudus (è il faro del Ghana, la nuova stella del West Ham), Onana (portiere del Camerun e del Manchester United), Hakimi (l’ex terzino dell’Inter è la stella del Marocco e del Paris Saint-Germain), Sadio Manè: gioca in Arabia Saudita con Ronaldo, è la stella del Senegal. Osimhen (diamante del Napoli e della Nigeria). Salah: il faraone, stella del Liverpool, da anni tra i migliori del mondo, è la superstar di questa Coppa d’Africa. L’Egitto punta su di lui per allungare il palmares di Nazionale più vincente di sempre della kermesse del Continente Nero.

Precedente Sci, Sofia Goggia trionfa nella discesa libera di Altenmarkt Successivo Leao e la doppietta di Koopmeiners: i gol di Milan-Atalanta 1-2