Ajax, Lucca: “Orgoglioso di vestire la stessa maglia di Ibrahimovic”

Le prime dichiarazioni rilasciate da Lorenzo Lucca, nuovo attaccante dell’Ajax

Dopo Gianluca Scamacca, anche Lorenzo Lucca lascia il calcio italiano. Il centravanti ex Palermo è un nuovo calciatore dell’Ajax. Nella giornata di ieri, l’annuncio del club olandese sul proprio sito di riferimento. Nel dettaglio, il classe 2000 è approdato dal Pisa all’Ajax con la formula del prestito fino al 30 giugno 2023. L’accordo prevede anche l’opzione di acquisto da parte dei Lancieri.

“Spero di ripagare la fiducia della società e dei tifosi. Sono contento di essere qui – ha dichiarato Lucca ai microfoni ufficiali del club di Amsterdam –. E’ un momento speciale per me, sono il primo italiano a vestire la maglia dell’Ajax. Sono felice. Spero di portare a livello fisico, di prestazioni, di gol e di assist il mio contributo. E’ una maglia pesante, indossata da tanti campioni. Tanti miei idoli. E’ un’emozione unica”, le sue parole.

IDOLO ZLATAN – “Il mio più grande idolo è Zlatan Ibrahimovic. Da bambino guardavo tantissimi video su di lui: sono orgoglioso di vestire la stessa maglia che ha vestito lui. Non siamo simili, forse di statura. Ma non possiamo paragonarci, Zlatan è uno degli attaccanti più forti in Europa. Io su tanti aspetti devo lavorare ancora molto. Sono qui per lavorare giorno dopo giorno”.

OBIETTIVI –“Sapevo che qualche squadra estera voleva prendermi, ma non pensavo che l’Ajax potesse ingaggiarmi, visto che vengo dalla Serie B. Ho guardato l’Ajax in televisione fino a poco tempo fa, guardavo Tadic, Antony, Stekelenburg che ha giocato alla Roma, Blind… Mi fa piacere condividere lo spogliatoio con loro e dare il mio contributo per portare a casa degli obiettivi importanti. E’ nato tutto da un mio vecchio mister, da un vecchio amico di mio padre, che mi ha sempre tenuto testa e convinto che potevo farcela a giocare a calcio. Non ho mai mollato e ho seguito sempre i miei sogni ed i miei obiettivi. Mi sono posto sempre degli obiettivi ad inizio stagione e fin qui li ho sempre raggiunti”, ha concluso Lucca.

Precedente Alla scoperta di Sarr, il predestinato che piace al Milan Successivo L’ultimo saluto a Villiam Vecchi: Ancelotti, Buffon e palloncini rossoneri

Lascia un commento