Abodi e lo sponsor della Roma: "Avrei fatto lo stesso, non sono d'accordo con Lotito"

Abodi sul nuovo sponsor della Roma

Abodi ha risposto alla domanda di Ivan Zazzaroni, Direttore del Corriere dello Sport-Stadio, che chiedeva: “Roma avrebbe una grande opportunità Roma Expo 2030, ma i diretti concorrenti da Riad hanno scelto di investire proprio qui a Roma diventando main sponsor della Roma, cosa ne pensa?”. Questa la risposta del ministroSono d’accordo con quello che dice Lotito o meglio lo condivido, ma nella libertà di poterne prendere un’altra. In un mercato libero, in un panorama calcistico che deve fare i conti con il fairplay finanziario capisco le scelte della proprietà statunitense giallorossa.Ritengo che, fuori da ogni ipocrisia, siamo in un mondo competitivo, con un mercato aperto e che il tempo è denaro.Avrei fatto lo stesso, non avrei fatto una cosa diversa se fossi stato un americano proprietario di un club con delle difficoltà finanziarie e davanti a un’offerta irrinunciabile. Ma non sarà certo la Roma a diventare una fonte di debolezza per l’Italia nella candidatura della città di Roma per Expo 2030. La dignità di un’amministrazione, come quella capitolina, dipende dalla pianificazione di un’agenda non di un evento perché bisogna risvegliarsi con una voglia di miglioramento generale non specifico. Lo stadio Olimpico è l’esempio concreto, è un impianto statale ma viene gestito da Sport e Salute: deve inziare a diventare produttore. Lo sport consuma molto ma non produce praticamente nulla in Italia. All’estero ci sono impianti con termovalorizzatori, sarebbe bello che anche qui a Roma succedesse. L’Olimpico verrà abbassato di oltre 10 metri: un intrevento figlio di un piano che punta sulla sostenibilità green. La parte della tribuna Montemario verrà dunque abbassata così da mostrare tutto il verde della collina di Montemario”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Tottenham-Liverpool, dopo l'errore il VAR cambia: nuovo protocollo Successivo Lautaro vs Orsolini: Inter-Bologna da Over? La quota top