7 gol e 7 assist: Milinkovic-Savic torna ad abbagliare l’Europa

Il serbo della Lazio ha un contratto fino al 2024, ma le sue prestazioni stagionali potrebbero aprirgli le strade verso club di prima fascia tipo Psg e United che già negli anni scorsi si interessarono a lui

Sette più sette. Sono i gol e gli assist di Sergej Milinkovic Savic dopo 20 giornate di campionato. Una combinazione vincente che nessun calciatore di Serie A può vantare. Il tuttocampista serbo è in vetta alla classifica degli assist-man di Serie A, insieme con gli interisti Barella e Calhanoglu (pure loro a quota 7) ed è ben messo, considerando che non è un goleador, anche in quella della classifica marcatori, nella quale solo nove giocatori hanno segnato più dei suoi 7 gol e sono tutti attaccanti.

Crescita ulteriore

—  

Sono numeri che dicono tanto, ma non dicono tutto. Sono la (bellissima) copertina di un libro fatto di tante altre cose. Nel corso della ormai lunga permanenza in biancoceleste (questa è la sua settima stagione con la Lazio) il Sergente ha avuto una crescita costante, ogni annata è stata per lui migliore di quella precedente. Ma in quella in corso il serbo sembra avere messo una marcia in più, perché ha anche trovato quella continuità di rendimento che è sempre stata la sua principale lacuna. Il gioco di Sarri, per quanto dispendioso, lo ha aiutato molto sotto questo punto di vista. Milinkovic sta diventando (è diventato) un giocatore davvero completo, capace di occupare tutte le zone del campo. Di fare l’interditore, il suggeritore e il finalizzatore, a seconda delle circostanze. Capace soprattutto di correre di più rispetto al passato. Adesso cura anche la fase difensiva, non solo quella offensiva.

Futuro in bilico

—  

Un giocatore così è destinato a scatenare gli appetiti dei grandi club la prossima estate. È vero che questo ritornello è ormai una costante da almeno cinque anni a questa parte. E si è poi rivelato costantemente fallace, perché Milinkovic è sempre rimasto alla Lazio, al punto che – tolto il veterano Radu – è il giocatore dell’attuale rosa che da più tempo gioca con la Lazio. Milinkovic è però ormai arrivato alla soglia dei 27 anni (li compirà il 27 febbraio) ed è quindi giunto ad uno snodo fondamentale della sua carriera. Ecco perché la prossima potrebbe essere l’estate del grande salto. Una svolta che in ogni caso dipenderà dalle offerte che arriveranno sul suo conto.

Un paio di anni fa il Psg aveva messo gli occhi su di lui in maniera molto concreta, poi lo scoppio della pandemia fece tramontare tutto. Anche il Manchester United in passato aveva pensato a lui, in particolare tre anni fa quando Pogba sembrava sul punto di essere ceduto. Ad oggi né questi due, né altri top club si sono mossi, ma è probabile che lo facciano nei prossimi mesi. Milinkovic attende tranquillo. Ha un contratto con la Lazio fino al 2024 e nel club romano, di cui è vice-capitano, si trova bene. Non ha insomma fretta di andar via. Lo farà solo se arriverà una offerta davvero adeguata per lui e per la società. E nel frattempo proverà a migliorare ancora i suoi numeri fantastici.

Precedente Calciomercato Milan/ Papà Ahmedhodzic: "Contatti con il club ma piace anche ad altri" Successivo Ferri: "Questa Inter sa quanto vale e non è presuntuosa, non sarà un rinvio a condizionarla"

Lascia un commento