“60 milioni di allenatori, tutti bravi davanti alla tv”: lo sfogo di Pirlo

Sfida delicata quanto complicata: la Sampdoria domani in quel di Marassi ospita il Como secondo in classifica. Un match fondamentale nella corsa ai playoff dei blucerchiati, ma altrettanto importante per i biancoblù in chiave promozione diretta. Andrea Pirlo, nella conferenza stampa pre gara, ha sottolineato l’importanza della sfida, ma si è anche tolto qualche sassolino dalla scarpa per le critiche ricevute.

Pirlo e le critiche: “Facile davanti la tv”

Così il tecnico della Samp in sala stampa: “Vengo criticato sui social? Normale: se vinci sei bravo, se perdi non lo sei. In Italia ci sono 60 milioni di allenatori, ma non tutti possono farlo. È facile parlare quando sei allo stadio o guardi la partita davanti alla tv, un altro conto è essere qui a lavorare quotidianamente. Le critiche non mi hanno mai influenzato, io continuo a lavorare con la mia testa“.

Sul momento dei blucerchiati: “Siamo una squadra che è stata altalenante, quasi in tutto il percorso, ma con uno spirito preciso. Le ultime 2 partite non le abbiam fatte benissimo, ma venivamo da un buon filotto giocando anche contro squadre con cui si fa fatica a giocare. Dobbiamo riprenderci da 2 gare non all’altezza, anche perché i match diminuiscono e diventano di fondamentale importanza. Sappiamo quali qualità abbiamo, sia tecniche che morali, su questo posso star tranquillo: domani avremo voglia di vincere la partita“.

Como e il virus intestinale

Domani sfida al Como: “Sarà una bella partita, contro una squadra che gioca bene e che ha l’obiettivo della promozione diretta. Ma noi vogliamo andare ai playoff, le due squadre si giocano tanto e la posta in palio è importante. Da quando han cambiato tecnico hanno modificato il modo di giocare, hanno giocatori di qualità ma non dobbiamo avere paura: siamo la Sampdoria, giochiamo in casa con un grande pubblico, cercheremo di fare la partita come si deve. Non è da dentro o fuori, ma il risultato peserà: non è decisiva, ma è importante per tutt’e due le squadre, ora i punti pesano“.

La squadra blucerchiata si è ripresa dopo il virus che li ha colpiti prima della sfida con lo Spezia: “Abbiamo recuperato da questo virus intestinale che ci ha colpiti settimana scorsa. Abbiamo lavorato bene, ho recuperato anche Benedetti quindi sarà a disposizione. Forse sarà out Barreca ma è da valutare, per il resto tutti a disposizione. Settimana serena, abbiamo spinto perché dobbiamo alzare anche il livello fisico dopo questa settimana: saremo pronti per combattere contro il Como, che è una squadra che ti fa correre. Ci sarà bisogno di corsa, sacrificio, lotta“.

Samp e la corsa playoff

Infine sulla serrata corsa ai playoff: “Dobbiamo meritarceli, non li regala nessuno. Se andremo ce lo saremo meritati, se non andremo sarà stata colpa nostra e non perché gli altri avranno fatto qualcosa in più. Sono convinto che abbiamo tutte le qualità per entrare nei playoff: abbiamo questo desiderio da inizio anno nonostante i problemi avuti in stagione, ma è sempre rimasto nella nostra testa e ora che mancano poche partite siamo ancora più agguerriti“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Mihajlovic, il ricordo da brividi della sua scuola calcio sulla tomba Successivo Liverpool, Klopp: "Slot mio successore? Ecco cosa ne penso"